Gian Marco Centinaio

VIOLENZA SESSUALE: CENTINAIO, ANCORA STUPRI, SUBITO CASTRAZIONE CHIMICA  

 

Roma, 6 ott. "Cosa aspetta il governo a punire questi schifosi con la castrazione chimica? Ancora una volta apprendiamo di casi di violenza sessuale nel nostro Paese, divenuto ormai senza controllo. Nel Bresciano un degenerato maestro di karate e uno pseudo educatore di parrocchia hanno abusato di bambine minorenni e in provincia di Foggia due nigeriani sono stati arrestati dalla polizia per violenza sessuale di gruppo ai danni di una connazionale. Tragedie quotidiane che distruggono la vita di bambine e donne. Questi sono i diritti da difendere. Invece di battersi con ridicoli scioperi della fame pro Ius soli per regalare la cittadinanza, il governo porti in aula e approvi la nostra proposta di legge sulla castrazione chimica. Serve urgentemente un segnale forte come deterrente. Attendere ancora o far finta di non vedere cosa sta accadendo significa essere complici di questi animali".   

 

Lo dichiara Gian Marco capogruppo al senato della Lega.

STAFFETTA IUS SOLI: CENTINAIO, ESPONENTI PD RIDICOLI

Roma, 5 ottobre - “ La fame, gli scioperi, la cittadinanza sono argomenti seri. La pagliacciata messa in piedi da esponenti anche di rilievo del Pd è imbarazzante e degrada il dibattito. Prima annunciano uno sciopero, poi si rendono conto di aver esagerato perché in fondo allo Ius Soli non ci tengono così tanto e allora decidono per una ‘staffetta’ e non mangeranno per sei ore a testa. Una vera e propria cialtronata. Sullo Ius Soli la nostra contrarietà è netta perché le priorità per il paese sono altre. Ma una domanda sorge spontanea: cosa hanno fatto di male i cittadini per meritarsi rappresentati così?” 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

VIOLENZA SESSUALE: CENTINAIO, SUBITO CASTRAZIONE CHIMICA PER QUESTE BESTIE 

 

Roma, 27 set. – “Ancora una violenza su una donna, ancora stupri, ancora maltrattamenti.  Questa è l’Italia generata dal Pd e da governi che negli anni hanno solamente sposato la causa di clandestini e criminali. Quanto accaduto alla povera donna di Cassibile, nel Siracusano, sembra la trama di un film horror: minacciata di morte, stuprata, costretta ad abortire per tre volte e trattata come una schiava da un marocchino che per anni è stato libero di abusare della moglie davanti ai figli. Se per Boldrini, Renzi, Gentiloni questa è la normalità tenuta scrupolosamente lontano dai riflettori mediatici noi non ci stiamo. Il loro buonismo demagogico ci ha rotto le palle. Serve urgentemente una legge drastica che introduca  la castrazione chimica per questi animali. Una legge esempio che faccia capire a questa gente che non rimarrà impunita. Castrazione chimica subito!”. 

 

Lo dichiara Gian Marco capogruppo al senato della Lega.

VIOLENZA SESSUALE: CENTINAIO, ENNESIMO STUPRO, GOVERNO CALENDARIZZI SUBITO CASTRAZIONE CHIMICA

 

Roma, 20 set. - "Siamo allo sbando! Uno stupro al giorno. Questa volta un pakistano di 35 anni, ospite del centro di accoglienza di Pistoia ha abusato di una povera ragazza di 13 anni. Ecco il risultato della demagogica e ideologica politica del Pd: accoglienza senza filtri e un Paese non più in grado di proteggere i propri cittadini. Noi a questo gioco al massacro non ci stiamo: serve una pena esemplare per chi osa commettere tali crimini. Per questo presenteremo subito un'interrogazione urgente per chiedere al governo l'immediata calendarizzazione al senato della mia proposta di legge sulla castrazione chimica. Basta perdersi in inutili chiacchiere". 

 

Lo dichiara Gian Marco capogruppo al senato della Lega Nord.

LEGA, STUPISCE SILENZIO BERLUSCONI 

Roma, 15 Settembre - " Ringraziamo tutti coloro che ci hanno espresso solidarietà e che hanno capito la gravità delle scelte di certa magistratura militante. Per fortuna ci sono politici che vedono lontano e sanno quanto sia grave questo precedente che mira a eliminarci dal panorama politico italiano visto che oggi tocca a noi domani chissà.. francamente ci stupisce molto il silenzio di Berlusconi ".
Così il capigruppo della Lega Nord al Senato, Gian Marco Centinaio. 

VITALIZI: LEGA DA PD E 5 STELLE SOLO SCENATE E CHIACCHIERE

Roma, 15 Settembre - " Che pietoso teatrino! Troppe scenate e troppe chiacchiere sui vitalizi sia dal Pd che dai Cinque Stelle. Ma i fatti parlano chiaro e chi si accaparra il vitalizio da settembre sono tutti i parlamentari 5 stelle e metà di quelli Pd".

Così Gian Marco Centinaio capogruppo della Lega Nord al Senato. 

PEDOFILIA: CENTINAIO, PER PEDOFILI E STUPRATORI CASTRAZIONE CHIMICA SUBITO

Roma, 14 Settembre -  "Stupri, tentativi di violenza su donne e minori:  ogni giorno i giornali sono pieni di fatti di cronaca orrendi. E' ora che la politica affronti il tema calendarizzando subito la nostra proposta di legge sulla castrazione chimica. Se la punizione per chi commette queste nefandezze fosse rapportata al crimine noi crediamo che questi reati diminuirebbero. E' ora che il paese si liberi dalla cappa di impunità e malagiustizia che tende a tutelare i criminali e  poco le vittime".

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

IUS SOLI: LEGA, IL PD RINUNCIA ALLA LEGGE SULLA CITTADINANZA

Roma, 12 Settembre - " Vittoria della Lega: abbiamo affossato la legge sulla cittadinanza. Il Pd ha rinunciato allo Ius Soli,  Zanda in capigruppo ha ammesso che al Senato non hanno i numeri per approvarla. Pericolo scampato, ma restiamo vigili e pronti alle barricate perché questo Paese ha bisogno di tutto tranne che di regalare la cittadinanza agli immigrati". 

 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

ONG: CENTINAIO, SONO BANDITI. ALFANO SPIEGHI RUOLO GUARDIA COSTIERA LIBICA 

 

Roma, 3 agosto - " Leggere le intercettazioni della procura di Trapani ci fa accapponare la pelle. Altro che organizzazioni umanitarie queste sono associazioni di banditi che fanno soldi, commerciano in vite come fossero  stracci, violano ogni accordo o regola. Un business che denunciamo ormai da anni restando inascoltati.  Le ombre gettate sulla guardia costiera libica sono poi inquietanti, forse il ministro degli Esteri dovrebbe svegliarsi" 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

VACCINI: LEGA, LORENZIN SBUGIARDATA


Roma, 19 Luglio - "Spettacolo triste oggi al Senato sul decreto vaccini. Lorenzin prima sbugiardata e poi arenata si è arresa all'evidenza che la Lega ha ragione. La Lorenzin ci aveva accusato che l'emendamento da noi presentato non avesse nessuna valenza scientifica. Noi chiedevamo una cosa molto semplice: chi ha già contratto una malattia e quindi è immune deve essere esonerato da vaccini combinati e che quindi contemplano l'inoculazione del vaccino per il quale si è già immuni e di dare quindi la possibilità di vaccinarsi con monocomponenti. Ovviamente nella discussione è risultato evidente che il nostro fosse un emendamento di assoluto buon senso e che avrebbe colmato un vuoto del decreto evitando innumerevoli contenziosi. Dietro le scelte della Lorenzin non c'erano dunque inossidabili valenze scentifiche ma solo favoritismi di piani industriali delle case farmaceutiche. La maggioranza si è quindi spaccata, l'aula è stata sospesa e il relatore alla ripresa ha di fatto copiato il nostro emendamento che ritornerà in aula nel pomeriggio". 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato con il collega Paolo Arrigoni che ha seguito il decreto. 

VACCINI: LEGA, FORZA ITALIA RIDOTTA A STAMPELLA GOVERNO

Roma, 12 Luglio -  " E anche oggi sui vaccini la sponda a Renzi dei forzisti è servita. Il partito di Berlusconi si è ridotto a fare da stampella al governo Pd. Risuona ancora l'eco delle dichiarazioni sulla stampa di progetti di possibili alternative al governo eppure - nei fatti - i berluscones votano sistematicamente a favore dei provvedimenti dell'esecutivo Gentiloni. A noi gli inciuci non piacciono". 

Così Gian Marco Centinaio capogruppo della Lega Nord al senato.

IUS SOLI: #CENTINAIO, GOVERNO DI INCAPACI E IRRESPONSABILI 

 

Roma, 4 lug. - “Ma come si fa? Il Paese è sotto attacco invasione di clandestini e governo e Pd rispondono regalando la cittadinanza. Il culmine della follia di una maggioranza irresponsabile e incapace. Mentre il resto d’Europa difende i confini e blocca gli arrivi, il governo pensa bene di svendere la cittadinanza italiana incentivando ancor più il vergognoso business di clandestini. Anche in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo Gentiloni, Renzi e tutto il Pd non si smentiscono e calendarizzano lo ius soli in aula fregandosene dei reali problemi degli italiani. Non ci sono parole. Dimissioni e voto subito”. 

IUS SOLI: CENTINAIO, HO RESISTITO COME FORT ALAMO, NO LEGGE 


ROMA, 15 GIU - "Io avevo chiesto solo di parlare ma il presidente Grasso è noto per non farmi parlare. Una volta gli ho dovuto tirare anche un libro. Ma è stato tanto tempo fa...". Il capogruppo della Lega al Senato Gian Marco Centinaio racconta così come sono cominciati i disordini nell'Aula di Palazzo Madama sul ddl per lo ius soli e ad una cronista che gli faceva osservare che "neanche i bambini si comportano così", Centinaio ribatte: "No, anche gli adulti reagiscono così di fronte alle ingiustizie". "Il problema - aggiunge - è che la democrazia in questa aula lascia il tempo che trova. Avevo chiesto la parola solo per dire che il ddl tornasse in commissione e invece non mi ha fatto parlare. Noi pensiamo che non si possa diventare cittadini italiani per nascita, ma quando si compiono 18 anni si può fare una richiesta precisa, come avviene nel resto del mondo". "Per l'ennesima volta - osserva - la maggioranza si presenta in Aula senza aver dato il mandato al relatore, come è avvenuto per la legge sulla scuola, la legge elettorale ecc. Ma nel momento in cui non mi hanno lasciato parlare abbiamo occupato i banchi del governo e io sono stato quello che sono stato portato via per ultimo perché' ho resistito di più come a Fort Alamo". "Sullo ius soli - assicura - non indietreggiamo di un millimetro. E lo facciamo non solo per quelli che sono fuori e ci sostengono, ma anche per i colleghi ai quali non è stata data la parola. Non mi interessa cambiare questa legge, non voglio neanche leggerla. Non la vogliamo e basta"

MIGRANTI: CENTINAIO, I VERI SCAFISTI SONO LE ONG

 

Quello che è successo nelle ultime 24 ore nelle acque territoriali libiche è l’ennesima dimostrazione che le Ong sono a stretto contatto con i trafficanti di essere umani che riempiono i barconi fatiscenti di presunti profughi e li spediscono verso il nostro Paese. La Marina libica ha infatti intimato a diverse imbarcazioni umanitarie di allontanarsi dalle acque territoriali libiche. In una nota ufficiale il portavoce della Marina libica, l’ammiraglio Ayob Amr Ghasem ha apertamente accusato le Ong di essere lì in contatto diretto con persone a bordo delle imbarcazioni che sono state poi intercettate dalle guardia costiera. Il comportamento di queste Ong accresce il numero di barconi di migranti illegali e l'audacia dei trafficanti di esseri umani. Questi ultimi sanno bene che la via verso l'Europa è agevole grazie a queste ong e alla loro presenza illegittima e sospetta in attesa di poveri esseri umani. In merito a quanto è successo lunedì prossimo presenteremo una interrogazione parlamentare in senato.

Lo dichiara in una nota il Presidente dei senatori della Lega Gian Marco Centinaio

CARA FOGGIA: CENTINAIO, MINNITI SUBITO IN AULA A RIFERIRE


Roma, 01 Giugno - " Lo schiavismo del Cara di Foggia è finanziato dallo Stato. Le immagini del servizio andato in onda su La7 a ' La Gabbia Open' non lasciano spazio a interpretazioni. Pretendiamo che Minniti venga in aula a riferire, vogliamo sapere chi gestisce questa struttura, i nomi degli schiavisti che si intascano un milione di euro al mese e ammassano migliaia di presunti profughi che non parlano una parola di italiano e che vivono in mezzo alla sporcizia, tra risse, spaccio, accoltellamenti, furti e aggressioni.  E' intollerabile questa connivenza delle istituzioni con un sistema fatto di omertà, malaffare, traffico di carne umana al solo scopo di fare profitto alle spalle e a spese in termini di sicurezza della collettività. Noi non giriamo la testa, noi denunceremo questa situazione in ogni modo possibile e agiremo perché questa vergogna finisca".

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

MANCHESTER: CENTINAIO, RAMADAN SIA DEDICATO A VITTIME DEL TERRORISMO

Roma, 23 Maggio - " Tra due giorni comincia il Ramadan, mi aspetto che sia dedicato alle vittime dei vili attacchi perpetrati in nome di Allah. I sermoni, le preghiere, le letture dei musulmani siano tutte in onore dei morti e di condanna ai terroristi. Mi aspetto questo dalle comunità musulmane in Italia, se non lo faranno dovremmo cominciare a considerarli tutti complici e a trattarli come tali.  L'ora della comprensione buonista degli europei dovrebbe essere finita da tempo e dopo stanotte gli alibi non possono più esistere. Proviamo solo dolore e rabbia per l'ennesima e tremenda strage di innocenti a Manchester. È ora di reagire, di  imporci  con fermezza per bloccare l'invasione e ripristinare le nostre regole e i nostri valori ".

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega al Senato.

G7: LEGA, DA GOVERNO VOGLIAMO RISPOSTE SU BLOCCO. SIA PERMANENTE


Roma, 16 Maggio - "Bloccano gli sbarchi in Sicilia per una settimana ma solo per non far vedere ai big del mondo come il governo italiano abbia trasformato l'isola in un campo 'profughi' permanente. E' vergognoso! Abbiamo presentato un'interrogazione perché  il governo ci deve delle risposte visto che da anni quelli del Pd ci raccontano che sia impossibile bloccare gli approdi. In aula ribadiremo la nostra richiesta: blocchiamo l'invasione e per farlo il divieto agli sbarchi deve essere esteso oltre il G7 e diventare permanente". 


Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

ONG: CENTINAIO, SU DOSSIER GENTILONI VENGA IN AULA

Roma, 2 Maggio - " Ho chiesto in capigruppo che Gentiloni venga subito in aula e chiarisca la questione del dossier sui rapporti tra Ong e scafisti. Il Partito Democratico non solo ha speculato e specula sulla pelle dei migranti per favorire cooperative e associazione pseudo umanitarie ingrossandone le casse incentivando il bussiness dei migranti, ora impone all'aula il dibattito sullo Ius Soli. Hanno chiesto che il provvedimento arrivi in aula il 15 di giugno tra le amministrative e gli eventuali ballottaggi. Noi alzeremo le barricate, ci hanno fatto invadere e ora vogliono essere ripagati in termini elettorali concedendo agli immigrati la cittadinanza subito. I cittadini sappiano che la priorità del partito democratico è questa, l'ennesimo favore agli immigrati quindi si regolino alle urne".

Così, Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

CENTINAIO A ESPOSITO, PENSINO A MORTI IN MARE A NON AGENDA TV SALVINI

 

Roma, 2 Maggio - " Esposito e il Pd pensino ai morti in fondo al mare, alla carneficina costante di disperati che incentivano con le loro scelletare politiche immigratorie. I resposabili di queste morti sono Renzi e Gentiloni coi loro governi. L'agenda televisiva di Matteo Salvini non ci sembra una priorità della quale un senatore debba occuparsi. Piuttosto vengano in aula a  lavorare. Lo scorso mercoledì, durante la discussione del Def non si sono nemmeno fatti vedere in aula... si vede che per loro la festa dei lavoratori dura una settima". 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

SANITA': CENTINAIO, PD VERGOGNOSO, DISERTA L'AULA PER EVITARE IL VOTO

 

Roma, 28 mar. – “Il Pd si riempie la bocca di frasi spot in favore dei diversamente abili ma poi, quando ci sono da votare provvedimenti concreti in favore di queste persone, scappa miseramente. Quanto accaduto oggi in aula con il PD che ha preferito uscire e far mancare appositamente il numero legale per non permettere di votare le mozioni riguardanti le persone affette da sindrome di down è davvero vergognoso. La Lega aveva chiesto espressamente di votare le mozioni nel pomeriggio ma il Pd ha pensato bene di fregarsene, scappare e lasciare l’aula vuota. Bel comportamento di chi a chiacchiere si schiera con le fasce più deboli ma nei fatti non muove un dito per queste persone”.  

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo al senato della Lega Nord.

 

UE: LEGA, GENTILONI NON IMITI RENZI, 'FENOMENO' IN ITALIA E MUTO IN EUROPA

Roma, 8 Marzo - "Non faccia come il suo predecessore, 'fenomeno' in Italia e muto in Europa. Spieghi al Consiglio come è fatto davvero il nostro Paese". Così il capogruppo della Lega Nord, Gian Marco Centinaio, replicando alle comunicazioni nell'Aula del Senato del premier Paolo Gentiloni, in vista del Consiglio europeo del 9 e 10 marzo. "Racconti della vicenda Consip, spieghi all'Europa cosa sta succedendo, che la più grande stazione appaltante italiana è finita nella bufera per colpa del giglio magico - ha aggiunto -. Spieghi che la politica del Paese è bloccata per il Congresso del Pd, di cui non frega niente a noi e alla gente, e che sta rompendo le scatole al mondo". "Abbiamo apprezzato i modi, da tempo non se ne vedevano in quest'aula, ma i contenuti sono sempre gli stessi - ha proseguito Centinaio -. Dopo il 4 dicembre dovevate fare la riforma della legge elettorale, per far finalemente votare gli italiani ma e' l'unica cosa a cui nessuno sta più pensando".

SCUOLA: CENTINAIO, SCUOLA DI ASINI FIGLIA DI UN MINISTRO SENZA LAUREA 

 

Roma, 21 gen. - "Da un ministro dell'istruzione senza laurea non poteva che nascere una scuola di asini. Il completo appiattimento dell'istruzione italiana si è drammaticamente completato con l'arrivo della Fedeli che altro non ha fatto che impartire il colpo di grazia con il suo beneplacito al 6 politico. Alla fine ce l'hanno fatta a disincentivare totalmente i ragazzi a studiare. Con il 6 di media, compreso anche il voto in condotta, si andrà infatti all'esame di maturità. Vale a dire: "ragazzi è inutile studiare, sarete tutti ammessi. E anche se poi non prenderete una laurea potrete diventare ministri". Non si era mai visto un ministro dell'istruzione con in mano il solo diploma e neanche una scuola così del tutto inutile: che non insegna, non trasmette valori e non dà lavoro". 

Lo dichiara il capogruppo al senato della  Lega Nord Gian Marco Centinaio.

TERREMOTO: LEGA, CASTALDINI SI SCIACQUI LA BOCCA PRIMA DI PARLARE DI NOI  

 

Roma, 21 gen. - "Dopo l'inutile Alfano arriva, a scoppio ritardato, anche l'inutile portavoce di Alfano, Valentina Castaldini, quella che fa politica con lo stipendio del ministero! Ma si sciacqui la bocca prima di parlare di Salvini e Fedriga.  Vivacchiate all'ombra del PD senza uno straccio di idea e di politica, attenti solo a non disturbare i vostri padroni. Ricordo all'inutile Castaldini che in Abruzzo tutti hanno ringraziato Salvini per essersi fatto vedere in un momento di grande difficoltà. Noi, al contrario di alcuni del suo partito, ci prodighiamo e usiamo la politica per aiutare la gente e non per fare business sui clandestini". 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo al Senato della Lega Nord.

TERREMOTO: CENTINAIO AD ALFANO, NOI IN MEZZO ALLA GENTE TU SU TOMBA CRAXI

Roma, 20 Gennaio - " Alfano chi? Quello che da ministro invece di gestire l'emergenza vissuta in centro Italia era a deporre corone di fiori sulla tomba di Craxi ad Hammamet? Francamente fatichiamo ad accettare lezioncine da Alfano quello che anche ieri ha vissuto l'ennesima giornata inutile della sua altrettanto inutile carriera politica che purtroppo pesa sulle spalle dei contribuenti. Noi eravamo in mezzo alla gente ad ascoltare e capire i loro bisogni e di certo non ce ne vergognamo".

Così Gian Marco Centinaio capogruppo della Lega Nord al Senato risponde ad Alfano che dai social ha attaccato la visita di ieri di Matteo Salvini in Abruzzo. 

TORTURA: CENTINAIO, STOP LEGGE VITTORIA NOSTRA E DI TUTTI I CITTADINI ONESTI

 

ROMA, 19 LUG "Grande vittoria della Lega Nord che è riuscita ad ottenere lo stop della legge sulla tortura. Non ci sarà alcuna umiliazione per le forze dell'ordine che potranno continuare a lavorare con onestà e tranquillità così come hanno fatto fino ad ora. Abbiamo sconfitto pericolose derive buoniste di una certa sinistra che, con la complicità dei grillini, ha l'unico obiettivo di punire chi protegge i cittadini"

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato, commenta l'esito della capigruppo di oggi che ha deciso di rinviare il ddl tortura all'esame dell'Aula di Palazzo Madama. Il provvedimento, secondo il calendario iniziale, avrebbe dovuto essere licenziato oggi dai senatori.

TERREMOTO: CENTINAIO, POCHE CHIACCHIERE, IL GOVERNO AGISCA SUBITO

 

Roma, 19 gen. – “Tutti pronti a rispondere a Salvini e ad ergersi a paladini del politically correct. A noi non interessano le chiacchiere, ne' le polemiche che qualcuno insiste a fare dal caldo delle loro poltrone. Ci sono persone isolate che stanno vivendo un dramma, in mezzo alla neve, senza luce e senza alcun aiuto. Sindaci e volontari ci hanno ringraziato per la presenza ma chiedono mezzi e soldi, subito. Invece di chiacchierare e attaccare la Lega, governo e ben pensanti agiscano. Magari accogliendo subito la nostra proposta di uno stanziamento di 100 milioni di euro per le zone terremotate”.

GOVERNO:CENTINAIO, USCIAMO DALL'AULA,SIAMO ALTRO

 

ROMA, 14 DIC - "Non vogliamo partecipare a questo voto. Usciamo dall'Aula perche' siamo altro, non siamo come voi, rappresentiamo i cittadini". Cosi' il capogruppo della Lega Nord al Senato, Gian Marco Centinaio, conclude il suo intervento a Palazzo Madama, prima di abbandonare l'Aula assieme agli altri senatori 'Lumbard'. "Volevamo fare un gesto eclatante, ma quello l'hanno fatto gia' i senatori del Pd che non ci sono, non sono presenti qui, sono il nulla", ha concluso. 

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO, ALFANO RIDICOLO, INSICUREZZA E INVASIONE CONSEGUENZE DI SUE SCELTE SCELLERATE

 

ROMA 19 NOV. “Alfano ridicolo, prima permette l'invasione dei clandestini e ora vuole l'esercito. Non sa più che pesci pigliare. La promessa di militari e lo stop dell’arrivo dei profughi a Milano è sempre stato quello che la Lega Nord ha chiesto in questi anni al governo Renzi. Prima il ministro dell’invasione ci additava come degli allarmisti, ora perché ha paura di perdere il referendum sposa in pieno le politiche della Lega. Questa mossa ha il sapore della disperazione. Alfano ha dimostrato solo di essere il peggior ministro dell’interno dal dopoguerra ad oggi, ma i cittadini non sono stupidi. Sanno che questa è solo propaganda elettorale e il 4 dicembre manderanno a casa lui e quella marmaglia di incompetenti che hanno il coraggio di essere al governo.”

Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al Senato Gian Marco Centinaio 

OCCUPAZIONE: CENTINAIO, JOBS-ACT FALLIMENTO DI RENZI

 

Roma, 18 Ott. - " I dati dell'Inps certificano la propensione di Matteo Renzi a giocare con la politica sulla pelle della gente. Il Jobs- Act, come denunciato dalla Lega, si è rivelato solo uno strumento per poter licenziare facilmente i lavoratori. Finita la de-contribuzione è finita anche la possibilità di dopare i dati da presentare ai media.  Il dramma è che il premier non eletto affronta tutti i temi nello stesso modo, che sia lavoro, che siano le riforme costituzionali lui pensa solo ad imbonire gli italiani con una marea di falsità. Purtroppo, a farne le spese, sono oggi e saranno anche domani, le giovani generazioni che in questo Paese non hanno più alcuna prospettiva".

Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al Senato Gian Marco Centinaio, commentando i dati dell'Inps sulle assunzioni e i licenziamenti.  

PENSIONI: CENTINAIO, VERGOGNOSO GIOCO DELLE TRE CARTE DEL GOVERNO

 

Roma, 12 sett. - "Il gioco delle tre carte con le pensioni dei lavoratori. La revisione all'accesso pensionistico proposta dal governo  è una vera e propria truffa. A Renzi non bastava aver dissanguato cittadini, lavoratori, risparmiatori e imprese, ora chi vorrà andare in pensione ad un'età accettabile dovrà, di fatto, pagare di tasca sua una penalità altissima. Anziché abolire la legge Fornero, permettere a chi ha lavorato 40 anni di andare in pensione e dare spazio ai giovani, Renzi ha pensato l'ennesima furbata delle sue: fare cassa con i soldi versati dai lavoratori. Il tutto con l'ingiustificato e complice assenso dei sindacati. Questa vergogna è la decantata apertura del governo alla flessibilità in uscita. Ci vuole un bel coraggio a dire che il governo agevola l'accesso pensionistico".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo al senato della Lega Nord.

SCUOLA: CENTINAIO, SU NOMINE CAOS TOTALE. GOVERNO IRRESPONSABILE

 

Roma, 9 Settembre- " Le nomine di ruolo degli insegnanti inseriti con riserva nelle GAE sono in alto mare. Il governo si è dimostrato irresponsabile trattando la scuola come un 'affare loro' senza rispettare la legge e le norme che regolano il mondo della scuola. La tanto decantata riforma è disastrosa e a rimetterci saranno ancora una volta gli insegnanti che stanno rispettando le regole a discapito di chi alza la voce. Renzi non rispetta né i lavoratori della scuola né garantisce il diritto allo studio per questo presento un'interrogazione parlamentare anche alla luce di quanto sta accadendo in queste ore in Lombardia."

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega al Senato.

"È fondamentale che la nomina di ruolo sia garantita solo ai docenti con una sentenza definitiva passata. Sono del tutto inaccettabili le istruzioni "verbali" adottate da alcuni che lasciano margine a discrezionalità pericolose e a interpretazioni della normativa che non danno alcuna garanzia del rispetto del diritto legittimo alla nomina degli aspiranti docenti di ruolo regolarmente inseriti in graduatoria. Mancano pochissimi giorni all'inizio della scuola, il governo intervenga subito - conclude Centinaio - affinché nelle operazioni di nomina venga seguito solo e unicamente quanto stabilito dall'ordinanza del consiglio di stato".

TERRORISMO: CENTINAIO, LI ABBIAMO IN CASA. IN SPORT MAGGIORI CONTROLLI SU STRANIERI

 

Roma, 3 Agosto - " Ormai li abbiamo in casa, l'operazione antiterrorismo di oggi dimostra la fondatezza delle nostre preoccupazioni. L'invasione incontrollata, la mollezza del governo, le mancate prese di posizione del vaticano ci hanno portati a un punto di non ritorno".

Così, Gian Marco Centinaio, presidente del gruppo della Lega Nord al Senato.

"Il pachistano espulso oggi, quello che voleva colpire l'aeroporto di Orio al Serio, è stato addirittura capitano della nazionale italiana di cricket. Già allora avevamo criticato la scelta e siamo stati tacciati di ignoranza e razzismo ma ancora una volta abbiamo avuto ragione. Ci siamo battuti tenacemente contro lo ius soli sportivo voluto da questo governo scellerato ma siamo stati inascoltati. Il buonismo imperante porta questi risultati. Questa deriva è pericolosa. Il Coni, valorizzi le giovani promesse sportive dei territori e  compia valutazioni scrupolose e accorte sugli sportivi stranieri e - conclude Centinaio - di fede islamica".

VIOLENZA DONNE: CENTINAIO, MATTARELLA SOLLECITI NS LEGGE SU CASTRAZIONE CHIMICA. PD E SEL LA OSTEGGIANO

 

ROMA 27 LUG - “ Stupri di gruppo, l’ultimo in ordine di tempo accaduto in Campania, assassinii  quotidiani di donne,  violenze nei confronti di  minori, una escalation di violenza che deve essere fermata tanto da portare il  capo dello Stato a esprimersi. La Lega Nord ha chiesto oggi e per l’ennesima volta,  la calendarizzazione del disegno di legge sulla castrazione chimica. La nostra richiesta non è passata a causa del voto contrario di PD e SEL, due forze politiche che fingono di difendere le donne ma che poi nel concreto osteggiano ogni forma di tutela delle vittime e di punizione dei colpevoli. Per questo chiediamo a Mattarella di intervenire per sollecitare la discussione della nostra proposta. Noi siamo dalla parte delle vittime e per questo non smetteremo mai di batterci affinché la castrazione chimica diventi presto legge”.

E’ quanto dichiara Gianmarco Centinaio capogruppo della Lega Nord al Senato.

ROUEN: CENTINAIO, CATTOLICI SVEGLIA. CI VOGLIONO MASSACRARE FERMIAMOLI

 

Roma, 26 Luglio - " Adesso basta!

Dobbiamo difendere il nostro credo, la nostra storia, le nostre tradizioni, i valori che ci hanno trasmesso e che dobbiamo tramandare ai nostri figli. Difendiamo la nostra gente e difendiamo la chiesa cattolica. Dobbiamo svegliarci, ci vogliono massacrare, fermiamoli. #iosonocattolico"

 

Così Gian Marco Centinaio capogruppo della Lega Nord al senato commenta su Facebook il vile attacco terroristico nella chiesa vicino Rouen.

TORTURA: CENTINAIO, STOP LEGGE VITTORIA NOSTRA E DI TUTTI I CITTADINI ONESTI

 

ROMA, 19 LUG "Grande vittoria della Lega Nord che è riuscita ad ottenere lo stop della legge sulla tortura. Non ci sarà alcuna umiliazione per le forze dell'ordine che potranno continuare a lavorare con onestà e tranquillità così come hanno fatto fino ad ora. Abbiamo sconfitto pericolose derive buoniste di una certa sinistra che, con la complicità dei grillini, ha l'unico obiettivo di punire chi protegge i cittadini"

 

Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato, commenta l'esito della capigruppo di oggi che ha deciso di rinviare il ddl tortura all'esame dell'Aula di Palazzo Madama. Il provvedimento, secondo il calendario iniziale, avrebbe dovuto essere licenziato oggi dai senatori.

STUPRO ROMA: CENTINAIO, CALENDARIZZARE CASTRAZIONE CHIMICA

ROMA, 18 LUGLIO - " Si candelarizzi subito la nostra proposta di legge sulla castrazione chimica. È ora che questo Paese scelga di stare dalla parte di chi subisce abusi punendo una volta per tutte gli stupratori. La ragazzina sedicenne di Roma, stuprata da due immigrati già segnalati, deve ottenere giustizia, questi criminali devono pagare. Le solone del buonismo alla Boldrini, oggi dove sono??? Il governo si svegli e cominci a tutelare i cittadini dai delinquenti".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

DDL TORTURA: LEGA, ASSE PRO CRIMINALI M5S PD

ROMA, 14 LUGLIO - "Quando c'è da difendere clandestini e criminali e bastonare le forze dell'ordine si crea una nuova maggioranza composta dal movimento cinque stelle e dal Pd.
L'emendamento criminale passato oggi al senato del M5S apre le porte a una distorsione senza precedenti. Le forze dell'ordine non potranno più svolgere le loro funzioni perché se un delinquente ritiene di essere stato mal apostrofato o spintonato rischiano la galera. È una vergogna, un insulto a chi compie con onestà e dedizione il proprio lavoro in cambio di uno stipendio da fame. La politica si deve vergognare, quanto accaduto oggi è gravissimo".

Lo dichiarano Gian Marco Centinaio e Stefano Candiani, presidente e vicepresidente del gruppo Lega Nord al Senato.

SPIAGGE. LEGA, EUROPA CRIMINALE DECRETA MORTE BALNEARI

 

ROMA, 14 LUGLIO - " Come annunciato, la peggiore burocrazia europea ha decretato la morte dei balneari con la bocciatura delle proroghe delle concessioni demaniali marittime e lacustri. Eccola qui l'Europa criminale, quella che non vogliamo, ecco una delle mille ragioni per le quali dovremmo scappare di corsa dall'unione per ritornare padroni del destino dei nostri territori, delle nostre risorse, delle norme che regolano le nostre imprese. L'Europa è distante anni luce dai problemi delle piccole e medie imprese italiane e la Bolkestein è devastante. Questo, sommato alla totale incapacità del governo di difendere le nostre peculiarità territoriali, a differenza dei governi spagnolo e portoghese che hanno ottenuto la proroga, significa che  30.000 imprese e 700.000 addetti, non sanno come andare avanti. Renzi prenda coraggio e glielo spieghi".

 

Così, in una nota il capogruppo dei senatori leghisti Gian Marco Centinaio con il collega Paolo Arrigoni, commentano la decisione dell'Europa di non prorogare le concessioni balneari. 

 

IMMIGRATI: CENTINAIO, PRESUNTI PROFUGHI RAPITORI. RIMPATRIO IMMEDIATO

 

ROMA, 12 LUGLIO - " I quattro presunti profughi arrestati con l'accusa di aver rapito una collaboratrice di una cooperativa a Goito in provincia di Mantova devono essere immediatamente rimpatriati.  Ci manca solo che dopo averli mantenuti fino ad adesso ci tocca pure sostenere le spese del processo. Ormai siamo al paradosso, ospitiamo chiunque arrivi in Italia, il sistema impiega anni per appurare l'effettività del diritto all'asilo che ricordiamo spetta a una minima parte dei richiedenti e adesso sopportiamo senza reagire qualsiasi capriccio, qualsiasi richiesta da parte degli immigrati. Non passa giorno che non si assista al paradosso, siamo ormai ospiti a casa nostra.  Il degrado, le violenze, l'illegalità diffusa nelle nostre Città sono le disastrose conseguenze di una politica immigrazionista che ha fatto dell'invasione l'unica ragione di vita di questo governo. La gente è stanca. Si chiudano le frontiere come in Svizzera, Austria e Francia". 

 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

OMICIDIO FERMO: LEGA, VITA SACRA. STOP A STRUMENTALIZZAZIONI

 

Roma, 7 lug. - "Siamo stanchi che si travisi il nostro messaggio per cavalcare facili e demagogici stereotipi che non ci appartengono. Il gruppo Lega Nord ha ampiamente espresso la propria dura condanna nei confronti di chi si è macchiato di questo orrendo omicidio. Senza se e senza ma. Non esiste colore della pelle, provenienza geografica o religione che giustifichi l'odio.  La vita va sempre difesa, a prescindere. Ben diverso è il discorso politico che ribadiamo: l'immigrazione clandestina fuori controllo, non può che sfociare nel caos sociale ed economico. In questa situazione c'è qualcuno che non rispetta nemmeno la morte e la strumentalizza distorcendo le nostre posizioni per meri fini politici e per lustrare la propria anima bella. Questo è un atteggiamento inumano e noi non ci stiamo. Il messaggio è chiaro: chiunque utilizzerà le nostre parole in maniera strumentale sarà querelato".

 

Lo dichiarano i presidenti dei gruppi parlamentari della Lega Nord Massimiliano Fedriga e Gian Marco Centinaio.

 

 

BREXIT: CENTINAIO, DA RENZI PAROLE INCOERENTI...TRATTA ITALIA COME SE FOSSE MONARCHIA

 

ROMA, 27 GIU "Avremmo voluto ascoltare da Renzi anche parole sull'immigrazione, sulle politiche economiche e non solo sul Brexit. Parole per altro pronunciate dal segretario di un partito che ha bocciato la nostra richiesta alle riforme per dare questa possibilità di scelta anche agli italiani. Dunque da Renzi ci sembra poco coerente esprimere rispetto per il voto e per il popolo inglese quando questa stessa legittima libertà  a noi è stata impedita. Non  possiamo nemmeno scegliere se restare o meno nel laccio dell'euro. Quindi, per Renzi, ben venga il voto degli altri ma non quello del popolo italiano come fossimo una monarchia".

Così in Aula il presidente della Lega Nord Gianmarco Centinaio durante il dibattito sulle comunicazioni del presidente del Consiglio.

Centinaio ha anche posto l'accento sul fatto che "Francia e Germania non prendono in alcuna considerazione Renzi, al contrario di quanto vuol far credere il premier italiano che farebbe bene a portare in Europa temi che interessano cittadini e imprese. Le prime azioni? Una politica seria sull'immigrazione con lo stop alle crociere della Marina militare che porta i clandestini in Italia e l'abolizione delle sanzioni alla Russia per permettere alle nostre aziende di riprendere gli scambi con quel Paese".

SCUOLA: CENTINAIO, ENNESIMO PASTICCIO. RENZI NON HA NUMERI

 

ROMA, 11 MAGGIO - " L'ennesima follia di questo governo è quella di porre ancora una volta la fiducia. In aula sul decreto scuola non ci sono i numeri, il governo ha fatto un pasticcio, prodotto una schifezza che non risponde alle esigenze di nessuno. Non agli insegnanti che a dispetto delle promesse non saranno assunti e nemmeno agli studenti. Il progetto 'scuole belle' è un concentrato di sprechi, non è altro che il solito spot di Renzi ma che di concreto non ha nulla visto che le scuole crollano, sono in condizioni pietose e gli studenti si devono portare a scuola persino la carta igienica. Siamo molto contrari anche al bonus cultura che danno  agli extracomunitari, assurdo! L'ennesimo favore agli immigrati a discapito dei cittadini italiani". 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato. 

GOVERNO: CENTINAIO, SFIDUCIA TOTALE A RENZI. LA FINE E’ VICINA  

 

Roma, 10 apr. – “Noi voteremo tutte le mozioni di sfiducia a questo esecutivo comitato d’affari prestato alla politica. Spero, per l’assente Renzi, che vede  la luce in fondo al tunnel, che non sia  quello del Gottardo visto e considerato che in geografia così come in inglese e in tante altre materie, questo presidente del consiglio deve essere rimandato a studiare a settembre. Noi lo rimandiamo ad ottobre in modo che gli italiani lo boccino definitivamente e lo mandino a casa”. Lo ha detto il senatore della Lega Nord, Gianmarco Centinaio durante la dichiarazione di voto di sfiducia al governo.

CENTINAIO, CON RENZI-VERDINI PER PAESE BANCAROTTA ASSICURATA

 ROMA, 18 APRILE - " Solo i numeri di Verdini garantiranno a Renzi di farla franca domani quando si voterà la nostra mozione di sfiducia al governo.  Stiamo
parlando di quel Verdini che oltre che di inciuci parlamentari si intende bene di bancarotta. È rivoltante, ma è chiaro  che il matrimonio sancito tempo fa tra il sei volte rinviato a giudizio in due anni  e il segretario 'rottamatore' del Pd sia devastante per il paese. Purtroppo è  una garanzia  per la bancarotta collettiva".

 Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

INCHIESTA PETROLIO: CENTINAIO, DE GIORGI ESEMPIO DELLA CASTA RENZI

 

Roma, 12 apr. –  “La casta di governo, parenti e amici di Renzi e company colpisce ancora. Oggi è la volta del caso De Giorgi che ci ha deliziato con festini, party esclusivi, elicotteri privati, fiumi di champagne e nomine di amici della Guidi al vertice del porto di Augusta. Se le accuse fossero confermate è giusto che De Giorgi si dimetta immediatamente e paghi per lo scempio che ha perpetrato ai danni di tutti gli italiani. Dalle banche al petrolio, il governo Renzi si è mangiato tutto. Ma la festa di questa sinistra trita diritti  deve finire. A casa loro e i loro amici”. Così Gianmarco Centinaio capogruppo al Senato della Lega Nord.

LEGA, SFIDUCIA DOPO REFERENDUM E' SCELTA VERGOGNOSA

 

ROMA, 6 APRILE - " Non hanno voluto discutere le mozioni di sfiducia al governo alla prima data utile e quindi il prossimo martedì come da noi proposto. Renzi con la sua maggioranza ha irresponsabilmente deciso che non ci sia alcuna urgenza e posticipa la discussione al martedì successivo al referendum sulle trivellazioni. Sbaglia  perchè la sfiducia riguarda proprio il referendum che Renzi vuole a tutti i costi sminuire. La democrazia non è un capriccio, che si sia d'accordo o meno la politica deve garantire il dibattito sulle trivellazioni e invitare la gente a esprimersi. Questa scelta è l'ennesimo bavaglio che il presidente del consiglio impone alla democrazia e alle opposizioni " . 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

ISLAM:CENTINAIO, È RELIGIONE DELL'ODIO. DIVIETO MINIGONNE OLANDESE RESA VERGOGNOSA

 

ROMA, 30 MARZO - "La resa degli olandesi all'Islam è vergognosa. Suggerire alle dipendenti comunali di non indossare minigonne per non urtare o solleticare gli istinti dei musulmani è un insulto alla nostra libertà. È ormai chiaro che l'Islam sia la religione dell'odio e dell'oscurantismo, non esistono islamici moderati e non esiste integrazione come dimostrano Olanda Belgio e Francia. Purtroppo il buonismo Pd ci sta spingendo sulla loro strada, fermiamoli prima che i musulmani ci impongano regole e abitudini che per altro fanno veramente molto schifo".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio capogruppo della Lega Nord al Senato. 

VERDINI: CENTINAIO, CHE SCHIFO IL SILENZIO DI RENZI. NOI PRONTI A SFIDUCIA

 

ROMA, 17 MAR "Renzi senza vergogna: tace sulla condanna per corruzione di Verdini perché gli servono i suoi voti al Senato? Che schifo. Dopo i favori agli amici banchieri, le truffe ai risparmiatori e gli interessi di casa Boschi e di casa sua, si apre un nuovo capitolo nella storia del Pd renziano: cadreghe e criminali. Verdini, se colpevole invece che in Parlamento vada in galera e Renzi a casa subito. Noi siamo pronti a presentare una mozione di sfiducia contro il presidente del Consiglio".

Così il capogruppo della Lega Nord al Senato Gianmarco Centinaio.

TERRORISMO: CENTINAIO, VOGLIONO AMMAZZARCI. STOP ALLA RESA, CACCIAMOLI TUTTI

 

ROMA, 9 MARZO - " Vogliono ammazzarci, vengono qui, li manteniamo, li coccoliamo e loro vogliono solo farci saltare in aria! Basta, dobbiamo cacciarli tutti e con loro anche questo governo di irresponsabili e vigliacchi che ha scelto di arrendersi all'invasione e di mettere tutti in pericolo. Non sappiamo nemmeno quanti terroristi ci siano in Italia.  Se un imam somalo di 22 anni ospite in un centro di accoglienza  è  stato arrestato perché voleva colpire Termini significa che potenzialmente ne ospitiamo migliaia. Basta con il buonismo peloso del Pd, con l'immigrazionismo, con il business dell'accoglienza che arricchisce i soliti noti a discapito della sicurezza dei cittadini". 

 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. 

UNIONI CIVILI: CENTINAIO, RENZI INDEGNO SE MANTIENE EMENDAMENTO CANGURO

 

ROMA, 16 FEB "Noi non facciamo accordicchi sottobanco né con la maggioranza, né con altri: abbiamo dimostrato, ritirando i nostri 4.500 emendamenti, di stare dalla parte dei bambini e delle famiglie. Abbiamo cancellato le nostre proposte, mantenendo solo 580, senza contropartite o garanzie: a questo punto il Pd, se gli resta un briciolo di dignità, abbia la decenza di ritirare l'emendamento Marcucci, il cosiddetto canguro. Sarebbe ignobile se Renzi nascondesse le fratture interne del suo partito dietro lo spauracchio di un cavillo regolamentare con un danno enorme dei diritti dei bambini"

Così Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato sulla decisione "unilaterale" di ritirale i 4500 emendamenti al ddl sulle unioni civili.

 

GIUDICI: LEGA, PARTE MAGISTRATURA POLITICIZZATA NON È NOVITÀ

ROMA, 15 FEB. - " Quanto scalpore per un dato di fatto! Che parte della magistratura sia politicizzata e che utilizzi la propria carriera per poi arrivare in politica o amministrare grandi città non solo non è una novità ma è una realtà incontrovertibile. Chi pensa che tra i leghisti ci sia chi non rispetta il lavoro dei magistrati bravi e onesti mente. Sono tantissimi quelli che con dedizione lavorano  tanto e bene".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

LEGA: CENTINAIO, NOSTRI ALLEATI CAPISCANO CHE POLITICA SU SICUREZZA E ROM NON CAMBIA

 

ROMA, 15 FEB "Se qualcuno pensa, Bertolaso compreso, di fare alleanze con noi e poi sulla sicurezza intraprendere politiche finto buoniste e tolleranti nei confronti di delinquenza, rom e immigrazione ha sbagliato proprio strada. Su questi argomenti e su tanti altri noi saremo inflessibili. Noi saremo sempre dalla parte di quei romani che vogliono ordine, pulizia e legalità. Senza se e senza ma. Se non sai guidare una ruspa occupati di tagliare i nastri alle inaugurazioni: noi saremo con i romani: a lavorare per ridare dignità alle periferie. E per i campi rom  c'è e resta una sola parola: ruspa".

Così Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato e coordinatore per Noi con Salvini per il Lazio e Roma

UNIONI CIVILI: CENTINAIO, NON ABBIAMO RITIRATO EMENDAMENTI

 

ROMA, 2 FEB "Al momento i nostri emendamenti sono tutti depositati. Ritireremo il 90% delle proposte lasciandone circa 500, a condizione che ci sia permesso di discutere e votare nel merito le questioni a cominciare dalla tutela dei bambini ai quali non può essere negato per legge il diritto ad avere una mamma e un papà. Insomma noi siamo pronti a cancellare circa 4500 emendamenti purché non ci siano né canguri, né strozzamenti del dibattito".

Così il capogruppo della lega Nord al Senato Gianmarco Centinaio sulla situazione alla legge Cirinnà in discussione in Aula da questa settimana. 

FAMILY DAY: CENTINAIO, OGGI IN PIAZZA CON ORGOGLIO ED EMOZIONE

 

ROMA, 30 GEN "Con orgoglio ed emozione oggi ero in piazza con la mia famiglia insieme a migliaia di altre normalissime famiglie come la mia. E' stato un onore testimoniare il mio credo e la mia difesa nei confronti di tutti i bambini ai quali niente e nessuno può togliere il diritto di nascere in una famiglia con un papà e una mamma". Così Gianmarco Centinaio nella piazza del Circo Massimo a Roma dove, insieme con altri colleghi parlamentari, ha partecipato alla manifestazione del Family day.

"Quel che saranno da adulti e le loro scelte - prosegue Centinaio - rientrano in una sfera di libertà che nessuno, né oggi né mai, si permette di giudicare. Ma quello che noi vogliamo ribadire è la difesa 'senza se e senza ma' della famiglia che può essere solo una: quella prevista dalla nostra Costituzione. Una battaglia che noi porteremo in aula già nei prossimi giorni contro la legge Cirinnà che invece vuole togliere il diritto fondamentale a ogni bambino: per noi questo è inaccettabile. Su questo non può esserci libertà di coscienza: noi diciamo no con convinzione alle adozioni gay"

SFIDUCIA: CENTINAIO,  AFFAIRE BOSCHI  SCOTTA TROPPO. ABBANDONATA IN AULA DA GOVERNO

 

ROMA, 27 GEN. - "Renzi è venuto in aula ha fatto il suo comizio a favore di telecamera e poi se ne è andato abbandonando la Boschi. Tra i ministri renziani evidentemente il patto  "nella buona e nella cattiva sorte" comincia a scricchiolare. L'affaire Boschi scotta troppo persino per Renzi".

SENATO: CENTINAIO, VERDINI E RENZI DUE FACCE SCHIFOSE DELLA STESSA MEDAGLIA

 

ROMA, 21 GEN "Verdini e Renzi: due facce schifose della stessa medaglia. Il primo tradisce il mandato ricevuto con il voto popolare e va a fare la stampella al governo sul quale fino all'altro ieri ha sputato fango e il secondo, pur di tenere incollata alle terga la poltrona, non disdegna l'appoggio di persone che ha disprezzato. Il prezzo di giuda per aver appoggiato la pseudoriforma? Tre vicepresidenze alle commissioni del Senato. Renzi vai a casa. Spero che lo facciano presto i cittadini con il referendum sul ddl Boschi.Noi ce la mettiamo tutta".

Così Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

BANCHE: LEGA, SFIDUCIA A RENZI...DOVE SONO FINITE LE FIRME DELL'OPPOSIZIONE?

ROMA, 17 DIC "In aula al Senato la Lega ha chiesto per prima la calendarizzazione della mozione di sfiducia contro il ministro Boschi.
Ci lascia quanto meno perplessi che nessuno dei 5 Stelle l'abbia fatto in conferenza dei capigruppo oggi pomeriggio. C'è la nostra proposta di sfiducia non solo al ministro Boschi ma a tutto il governo, Renzi per primo. Documento che da ieri è a disposizione di tutti i colleghi dell'opposizione ma, a parte poche eccezioni, non c'è stata la corsa per sottoscriverla. Di fatto, al momento, le uniche firme sono quelle dei senatori leghisti. Ci chiediamo: dov'è finita l'opposizione? Non è che ha paura di andare a casa insieme con il governo? O è morta dopo l'inciucio Pd-5Stelle per la Consulta? Questa opposizione a giorni alterna non ci convince. Decideranno i cittadini. A noi, comunque, i giochetti non interessano, soprattutto quando sono fatti sulle spalle delle persone per garantire malaffare, finanza e torbidi rapporti di potere. A noi il calcolo su dove votare prima la sfiducia non interessa. L'obiettivo della Lega è mandare a casa Boschi e compagni, non tutelarli" Così il capogruppo della Lega Nord al Senato, Gianmarco Centinaio.

NATALE: CENTINAIO, INTRODURRE OBIEZIONE DI COSCIENZA PER DOCENTI ANTI-PRESEPE

ROMA, 11 DIC Obiezione di coscienza per tutti coloro che non riconoscono le festività cattoliche. Lo prevede un disegno di legge della Lega Nord presentato al Senato e che ha come primo firmatario il capogruppo Gianmarco Centinaio. Insomma, il "No Natale si traduce coerentemente nel 'no festa' - spiega l'esponente leghista - con insegnanti o presidi che in quei giorni, festivi per i cattolici, possono invece andare al lavoro esercitando un loro legittimo diritto" "E' un'opportunità - dice ancora Centinaio, spiegando il senso provocatorio, ma non troppo, della proposta - per tutti quegli insegnanti o presidi che magari rifiutano, come in questo periodo, di fare il Presepe o far cantare le canzoni di Natale. Se non riconoscono l'evento religioso allora andranno al lavoro. Del resto l'obiezione di coscienza è prevista per molte categorie, perché non aggiungere anche i docenti?".
Così l'articolo 3 del disegno di legge prevede che "l'obiezione di coscienza da diritto a non osservare il riposo festivo connesso a tali festività". "Le radici cristiane sono un valore fondante della nostra cultura - dice Centinaio - che è importante anche per gli appartenenti ad altre religioni o per gli atei e agnostici conoscere e rispettare, senza atteggiamenti di rifiuto o aprioristica preclusione. Voler a tutti i costi cancellare i simboli della nostra identità in nome di un mal interpretato laicismo significa rinunciare ai principi su cui si fonda la nostra società, dato che i princìpi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, così come sancito dall'articolo 9, numero 2, della legge 25 marzo 1985, n. 121 ovvero la Ratifica ed esecuzione dell'accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio 1984, che apporta modificazioni al Concordato lateranense dell'11 febbraio 1929 tra la Repubblica italiana e la Santa Sede" conclude Centinaio.

BANCHE: CENTINAIO A ROTTA, DA PD SQUALLORE SENZA FINE, 150 MILA RISPARMIATORI TRUFFATI ASPETTANO RISPOSTE

ROMA, 10 DIC "Alla povera Alessia Rotta e ai suoi compagni di merenda del Pd voglio dire solo che il livello di squallore che hanno raggiunto è incommensurabile. Renzi e i suoi sodali sono al governo da 4 anni e ci sono 150 mila risparmiatori truffati da un decreto che salva i banchieri loro amici e che aspettano risposte.  Si ricordino, inoltre, dalle parti del Pd che la Banca Credieuronord non è costata un solo euro agli italiani. I debiti li abbiamo ripianati da soli. Ps.
Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha una presenza alle votazioni europee dell'87%. Quindi, la prossima volta, prima di aprir bocca la Rotta si informi. Eviterebbe pessime figure".
Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al Senato, Gianmarco Centinaio.

CONSULTA: LEGA, NESSUN ACCORDO CON PD. COMPLOTTISTI GRILLINI GUARDINO IN CASA LORO

 

ROMA, 1 DIC "Nessun accordo con il Pd: come molti altri colleghi abbiamo votato scheda bianca e ai nostri deputati e senatori non abbiamo dato nessuna indicazione non essendoci nessuna convergenza sui nomi proposti": lo dichiarano i capigruppo della Lega Nord alla Camera e al Senato Massimiliano Fedriga e Gianmarco Centinaio sui voti per la Consulta.

"Dispiace per i complottisti delle scie chimiche - proseguono i due esponenti del Carroccio riferendosi ad alcune dichiarazioni dei parlamentari dei cinquestelle - ma questa è la dura, per loro, verità: non abbiamo stretto accordi. Anzi, ci sorprende che gli stessi che hanno lottizzato Csm, Consulta (come l'accordo Zaccaria-Sciacca) e Rai oggi nel tentativo di rifarsi una verginità lancino inverosimili congetture. Prima di puntare il dito verso di noi inizino a guardare dentro casa loro".

PARIGI: CENTINAIO, E' TERZA GUERRA MONDIALE GOVERNO SI SVEGLI

ROMA, 17 NOV. - "Siamo purtroppo in guerra: la terza guerra mondiale. Si combatte su due fronti, da un lato in Siria  e dall'altro nelle strade e nelle piazze d'Europa con pazzi fanatici addestrati dall'Isis e rientrati dalle nostre frontiere colabrodo che si fanno esplodere in mezzo a noi".

Lo ha detto in aula il capogruppo della Lega Nord al senato Gian Marco Centinaio durante l'informativa del governo sui terribili attentati terroristici avvenuti a Parigi nei giorni scorsi.
" Questo governo è immobile, parla di fase due da mesi ma nessuno capisce cosa questo significhi. I ministri italiani con facce rassicuranti raccontano favole in tv e in parlamento ma siamo in pericolo e si deve agire subito perché il tempo delle favole è finito. Basta con i tagli alla sicurezza. Si passi all'azione e si investano subito le risorse necessarie per alzare finalmente la guardia, si chiudano le frontiere e i luoghi di culto radicali islamici. Basta con il buonismo, siamo in pericolo e dobbiamo reagire perché l'Isis conosce solo la violenza e con la violenza dobbiamo rispondere".

PARIGI. LEGA, ALFANO SU SALVINI IRRESPONSABILE E INADEGUATO. SI DIMETTA

 

ROMA, 16 "Da Alfano dichiarazioni allucinanti e irresponsabili: un ministro dell'interno che pronuncia frasi di questo tipo deve essere subito rimosso. Un paese civile non può tenere un ministro del genere. Inoltre proprio oggi paesi come la Serbia testimoniamo che tramite l'arrivo di clandestini della rotta balcanica sono passati anche terroristi e la denuncia di Matteo Salvini, che allertava da tempo il rischio di infiltrazione di estremisti, trova drammaticamente conferma".

I capigruppo della Lega Nord Massimiliano Fedriga e Gianmarco Centinaio si dicono "indignati e attoniti" per parole pronunciate questa mattina dal titolare del Viminale nei confronti del segretario leghista nel corso di una trasmissione televisiva. 

"Se la risposta alla richiesta della Lega Nord di bloccare l'arrivo su territorio nazionale di un flusso indiscriminato di immigrati - aggiungono - ha come risposta le farneticazioni di Alfano significa che come paese siamo messi veramente male. È questo sarebbe il personaggio he garantisce la sicurezza dei cittadini? L'uomo senza quid si faccia da parte. #alfanodimettiti".

GIOVANE UCCISO: LEGA, SUBITO IN AULA NS LEGGE CONTRO ECCESSO LEGITTIMA DIFESA

 

ROMA, 21 OTT. - " Chiediamo l'immediata calendarizzazione della nostra legge per la cancellazione del reato di eccesso colposo di legittima difesa. Noi siamo convinti che difendersi sia un diritto e non un reato. In nessun paese civile chi si difende viene incriminato. Difendere la propria casa, la propria famiglia, la propria comunità oltre a essere un diritto da difendere è anche un dovere. I benpensanti che oggi attaccano il pensionato dovrebbero vergognarsi. Quanto accaduto è colpa di un governo che ha azzerato la sicurezza togliendo risorse alle forze dell'ordine che, nonostante gli sforzi straordinari, non possono riuscire a tutelare tutti i cittadini che si trovano quindi costretti ad autotutelarsi".

 

Lo dichiarano i capigruppo della Lega Nord di camera e senato, Massimiliano #

Fedriga e Gian Marco Centinaio.

UNIONI CIVILI: CENTINAIO, SARA' GUERRA. GIU' LE MANI DAI BAMBINI

 

ROMA, 14 OTT. - " In due giorni questo governo vuole cancellare l'identità e i valori della nostra cultura: ieri con lo ius soli e oggi con le unioni civili. Per noi è guerra. Vogliono uno scontro e l'avranno. Le unioni civili di questa sinistra spalancano le porte all'adozione da parte della coppie gay dei bambini. Il nostro futuro può essere garantito solo se i nostri figli saranno educati e protetti all'interno dalla famiglia naturale così come dettato non solo dalla costituzione ma anche dal buon senso. Renzi e i suoi compagni di pranzo devono tenere giù le mani dai bambini". 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato. 

RIFORME:  CENTINAIO, LEGA NON PARTECIPERA' AL VOTO FINALE. NOI FUORI DA AULA 

ROMA, 13 OTT. - "Usciremo dall'aula subito dopo la nostra dichiarazione di voto coerentemente con quanto detto fin dall'inizio. Queste riforme sono vergognose e sono il frutto di un'asse malefica tra Renzi e Verdini. Noi siamo fatti di un'altra pasta".

Lo dichiara il presidente dei senatori leghisti Gian Marco Centinaio. 

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO, ALFANO PATETICO. IN SVEZIA CI VANNO I PROFUGHI MICA I CLANDESTINI

Roma, 8 Ott. - " Abbiamo un ministro patetico oltre che inetto. Se non lo sa glielo spieghiamo noi, sull'aereo per la Svezia in partenza da domani ci sono i profughi mica i clandestini. Questi ultimi infatti resteranno a bivaccare a spese dei cittadini nelle nostre città perché i paesi europei che hanno ministri dell'interno seri non li vogliono. Comunque Alfano un piacere potrebbe farlo: salga anche lui sull'aereo per la Svezia anche se dubito che se lo terranno".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord in Senato.

RIFORME: CENTINAIO, RENZI VERGOGNATI...FA LA GUERRA AL SUO PARTITO SULLA PELLE DEI CONTRIBUENTI

 

ROMA, 16 SETT "Per continuare il suo gioco a monopoli contro una parte del suo partito, Renzi obbliga il Senato a un tour de force sulle riforme con una discussione - maratona sulle riforme. Argomento, per altro, che non interessa alla gente che ha ben altri problemi".

Gianmarco Centinaio usa parole dure per condannare la decisione presa oggi in capigruppo al Senato che ha calendarizzato da domani a martedì prossimo, circa 50 ore di discussione sulle riforme.

"Renzi gioca, come sempre, sulla pelle delle persone. A pagare la sua stupida guerra contro una minoranza del Pd sono i contribuenti- prosegue Centinaio - assillati da ben altre questioni e non certo dalla composizione del prossimo Senato. E' evidente che al premier interessano i giochi di potere e i selfie con le tenniste ma non gliene frega niente del dramma degli esodati, dei disoccupati, delle famiglie dell'Emilia Romagna colpite dall'ennesima alluvione. Che vergogna. Renzi prima va a casa, meglio è per tutti".

 

MIGRANTI:CENTINAIO,FRONTIERE APERTE COME TRA VIENNA-UNGHERIA

 

ROMA, 7 SET - "Non vedo l'ora di vedere le frontiere tra l'Italia e l'Austria aperte in modo da permettere a tutti quei migranti che in questo momento sono in Italia e vogliono andare negli altri Paesi europei e sono bloccati". Cosi' Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato, ospite di Agora' Estate, su Rai Tre. "Voglio vedere tra l'Italia e l'Austria la stessa apertura delle frontiere che c'e' stata tra l'Ungheria e l'Austria", ha concluso.

SCUOLA: CENTINAIO, RIFORMA SCUOLA NON SANA DIVERGENZE NORD-SUD. ENORME FALLIMENTO

ROMA, 1 AGO. - " I dati sui voti della maturità che attestano che al Sud i criteri sono meno stringenti che al Nord sono molto preoccupanti. Renzi nella sua 'riforma' della scuola non ha nemmeno provato a sanare il divario sull'istruzione tra il settentrione e il meridione. È una vergogna anche perché tutte le classifiche europee certificano come la qualità dell'istruzione al Nord sia maggiore e di conseguenza anche la preparazione degli studenti sia migliore. Un'altra occasione persa per il governo che ha centrato tutto il dibattito sui posti di lavoro agli insegnanti senza pensare al futuro dei nostri ragazzi".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

UBER: LEGA, CENA CARBONARA POLITICI CON AD. NOI CON TAXISTI

ROMA, 23 LUGLIO - " Abbiamo assistito per caso alla rivolta dei taxisti ieri sera in centro a Roma. Oggetto della protesta la cena carbonare organizzata dall'amministratore delegato di Uber con politici bipartisan, c'era il Pd, Area Popolare, il M5S e anche il gruppo misto. A noi non sembra normale sedersi al tavolo con il rappresentate di una società il cui servizio è stato per due volte ritenuto illegale da un tribunale. Vogliamo sapere cosa hanno garantito a Uber. Noi invece continuano a garantire sostegno ai taxisti che lavorano onestamente pagando tasse e licenze. Noi restiamo orgogliosamente dalla parte della legalità. Gli altri?"

Lo dichiarano Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato e Stefano Candiani, vice capogruppo dei senatori leghisti.

UNIONI CIVILI: CENTINAIO A SCHIFANI, NON POSSIAMO PIU' NEMMENO CHIAMARTI DEMOCRISTIANO

 

ROMA, 22 LUGLIO - " Non avremmo mai pensato ci sarebbe dispiaciuto non poter più dare del democristiano a Schifani. Oggi invece dobbiamo constatare che in quel termine rivolto a Schifani resterebbero solo connotazioni negative. La democrazia Cristiana infatti non avrebbe mai aperto alle unioni civili. Parla di cavilli, ma sappiamo tutti che questa legge è il cavallo di Troia per le adozioni. Questa legge è anche sua responsabilità e sappia Schifani che ne dovrà rendere conto in primis ai suoi elettori".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO AD ALFANO, DI VOLGARE SOLO TUO STIPENDIO RUBATO

ROMA, 22 LUGLIO - " Di volgare c'è l'ipocrisia di Alfano che difende i prefetti, che noi continuiamo a ritenere inutili, quando nella realtà dei fatti scarica su di loro ogni responsabilità e si rifiuta persino di incontrarli.  Qui di volgare c'è lo stipendio che ruba visto che è il ministro dell'invasione, dei disordini e dell'illegalità. Noi diciamo semplicemente quello che pensa la gente, diamo voce a quei cittadini che ascoltiamo per strada, quelle persone che Alfano e i prefetti si guardano bene da incontrare per paura della verità. Noi diciamo che con la complicità dei prefetti il governo sta trasformando in terzo mondo le nostre Città . Noi diciamo che Alfano ci sta facendo invadere per riempire le casse di chi lucra sul business dell'immigrazione. In sintesi diciamo semplicemente la verità che a quanto pare per Alfano è volgare".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO, VOGLIAMO ALFANO IN AULA SU FATTI TREVISO E CASALE SAN NICOLA

ROMA, 21 LUGLIO - " Ringraziamo il presidente Grasso che ha accolto la nostra richiesta di convocare domani alle ore 13.00 una capi-gruppo. Vogliamo Alfano in aula, il ministro dei disordini deve riferire subito dei fatti accaduti a Treviso e Casale San Nicola. I cittadini non ce la fanno più, la misura è colma e la tensione sociale alle stelle, prima che sia troppo tardi Alfano fermi questa politica criminale".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

 IMMIGRAZIONE, CENTINAIO: PAESE MUORE D’ACCOGLIENZA

ROMA, 17 LUG - “Il Paese sta morendo d’immigrazione. Renzi e Alfano hanno esasperato i cittadini, innescando focolai di guerriglia. Le città sono sature di clandestini, la misura è colma. Le rivolte di Quinto e Casale San Nicola sono il segno del fallimento del governo, che, a suon di immigrazione forzata, ha prodotto solo rischi e pericoli”. Così il capogruppo leghista al Senato Gian Marco Centinaio sulle rivolte anti-immigrati di queste ore.
“Il governo sta dando corso a un progetto suicida di africanizzazione forzata: l’indignazione  manifestata ieri da Zaia è la nostra indignazione, è quella di milioni di italiani che non ce la fanno più.
L’accoglienza sfrenata ha raggiunto il punto di rottura. Renzi e Alfano hanno esacerbato gli animi, logorato la pazienza collettiva.
Sorprende l’omertà degli amministratori Pd, che si nascondono e si ritraggono, fingendo di non vedere l’esasperazione dei cittadini. Il Partito democratico è la rovina dell’Italia”.

GRECIA, CENTINAIO: EUROPA DEI POPOLI VINCE SU QUELLA DELLE BANCHE

ROMA, 5 LUG - "Il risultato del referendum greco è la dimostrazione che l'Europa dei popoli vince su quella delle banche, della Troika e delle speculazioni".
Così il capogruppo leghista al Senato, Gian Marco Centinaio.
"Uno schiaffo in faccia agli euro-burocrati, che hanno avuto un assaggio della forza del popolo. Mai più un'Europa di nominati".

ENIT: CENTINAIO, CHIUDERE QUESTO INUTILE CARROZZONE

ROMA, 1 LUGLIO - " L'Enit è nel mirino della procura. Sotto la lente dei magistrati gli sprechi e i mega stipendi dei dirigenti. Noi diciamo da mesi che questo carrozzone deve essere chiuso.  Il turismo
non si sviluppa con gli sprechi, ma con le competenze e la professionalità. In Italia abbiamo tantissimi operatori del Turismo che lavorano con passione. Non umiliamo questo settore con sprechi e
incompetenti strapagati".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

UE: LEGA, RENZI BOCCIATO. RACCONTA IN FAMIGLIA CHE TUTTO OK MA COLLEGHI RIDONO

 

ROMA,24 GIUGNO - " Come al solito queste sedute sono inutili. Noi ci aspettiamo che Renzi venga in aula a dire cosa farà domani e invece niente, solo aria fritta.  Delle sanzioni alla Russia e delle immani conseguenze economiche sulle nostre aziende se ne frega, idem sui marò. Sulla Grecia poi, Renzi è stato davvero patetico: il penultimo della classe che fa la morale all'ultimo. Sull'immigrazione la figura del premier è ancor più imbarazzante se possibile, parla di rimpatri quando con il suo partito ha svuotato il fondo  rendendoli quindi impossibili. Ci sono in Italia 150.000 clandestini che vagano indisturbati senza contare quelli che giornalmente andiamo a prendere con l'aiuto dell'Europa direttamente in Libia e dei quali dobbiamo farci carico da soli. Sì, perché ormai non aspettiamo più che arrivino, andiamo direttamente a prenderli. L'Europa spenderà in soli due mesi 11.8 miliardi di euro per un'operazione che nelle intenzioni dovrebbe scoprire come operano gli scafisti, da dove arrivano e poi bloccarli, quindi ci devono spiegare per anni cosa hanno fatto visto che non l'hanno ancora capito.  Peccato che già sappiamo che gli scafisti non potranno essere toccati nemmeno con un dito. Questi soldi saranno il solito spreco europeo. Ma una cosa certa c'è: Matteo Renzi domani farà la solita figura, quella di studente interrogato che a casa racconta che va tutto bene ma nella scuola Europa viene mandato a casa tra i sorrisini imbarazzati dei compagni. In due parole, Renzi bocciato".

Lo ha detto in aula al Senato Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord in risposta all'intervento del Premier Renzi sul prossimo consiglio europeo.

SCUOLA: CENTINAIO, ALTRO CHE 'BUONA SCUOLA' E' ENNESIMO IMBROGLIO GOVERNO

ROMA, 23 GIU. - " Il Pd vuole andare in aula domani senza relatore per agevolare il maxi emendamento che altro non ha fatto che  riprendere e peggiorare il provvedimento arrivato dalla camera. Il Partito democratico non vuole zittire solo le minoranze ma anche tutti coloro che operano con serietà nel mondo della scuola. In commissione i 'democratici' ci chiedono di collaborare, in capigruppo invece fanno la voce grossa. Così facendo tolgono il diritto di parola a tutti coloro che credevano in questa riforma. Giannini e Renzi dovrebbero per onestà cambiare nome alla riforma: altro che  'buona scuola', questo è l'ennesimo imbroglio del governo.

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

SCUOLA: CENTINAIO, IN CAPIGRUPPO PD CONFERMA VOLONTA' DI NON ASSUMERE PRECARI

ROMA, 17 GIUGNO - " In capigruppo il Pd ha confermato quando diciamo da tempo e cioè che vogliono rimandare tutto alla prossima settimana. Temporeggiano in modo da mandare all'ariala 'buona scuola' e soprattutto per non essere costretti ad assumere i precari. La nostra proposta è stata chiara, lavoriamo da subito no stop questa settimana sulla scuola e ricominciamo lunedì in modo da migliorare questo provvedimento e di rendere praticabili le assunzioni dei precari. Abbiamo dimostrato di essere persone serie e responsabili che hanno davvero a cuore il destino dell'istruzione di questo paese a differenza di Renzi e del Pd".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

DISABILE STUPRATA: CENTINAIO, SUBITO IN AULA PDL LEGA CASTRAZIONE CHIMICA

ROMA, 11 GIUGNO - "Il disgusto e lo sdegno certo non bastano. La bestialità di individui che abusano di una disabile è al di là dell'immaginabile e del commentabile.  Per questo è essenziale passare ai fatti: si discuta  subito in senato la mia proposta di legge sulla castrazione chimica. Non ci sono altre soluzioni per chi compie reati così brutali".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

SCUOLA: CENTINAIO, SUBITO IN AULA PER MODIFICHE

ROMA, 9 GIUGNO - " La Lega si è dichiarata favorevole a trattare il provvedimento sulla scuola il più velocemente possibile in modo da modificarlo e riuscire così a garantire i posti di lavoro promessi da Renzi ma 'stranamente' non menzionati nel testo. Siamo perplessi, Renzi tende ad allungare i tempi sicuramente a causa della spaccatura all'interno del suo partito. Ma sia il paese che i lavoratori non possono rimanere in balia delle beghe del partito democratico. Il premier sappia che se a settembre le scuole non partiranno in modo regolare e con tutte le assunzioni promesse la colpa sarà unicamente sua".


Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al senato, Gian Marco Centinaio.

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO, RENZI OFFRE SOLDI IN CAMBIO DI CLANDESTINI. NON C'È LIMITE AL PEGGIO

ROMA, 8 GIUGNO - "Abbiamo chiesto l'esclusione del patto di stabilità per i servizi sociali, per le aree terremotate, per quelle alluvionate, per il restauro dei monumenti, per sistemare le strade e per qualunque necessità dei territori ma i governi Pd-Ncd ci hanno sempre risposto che non era possibile. Adesso Renzi usa il patto di stabilità come merce di scambio per quei comuni che accoglieranno i clandestini. È una vergogna, Renzi e Alfano, fautori dell'invasione sono alla frutta, non sanno più come gestire la situazione e offrono soldi in cambio di clandestini. Forse non sanno che i nostri sindaci - a differenza dei loro - non svenderanno mai l'identità per due soldi".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

SFIDUCIA ALFANO: CENTINAIO, LEGA UNICA OPPOSIZIONE A PEGGIOR MINISTRO DELLA STORIA

ROMA, 4 GIUGNO - " La Lega e il movimento 5 stelle hanno proposto la sfiducia del ministro dell'interno Angelino Alfano. Oggi in senato abbiamo chiesto che la mozione fosse discussa. Forza Italia e i fittiani si sono opposti. Ma da che parte stanno? Perché si ostinano a tutelare il peggior ministro della storia?"

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.


 

SCUOLA: CENTINAIO, BALLE RENZI COLOSSALI. SU LAVORO NON SI SCHERZA

ROMA, 26 MAG. - " Renzi ha promesso assunzioni di massa nel comparto scuola, dando a migliaia di precari la speranza del posto fisso. Peccato li abbia solo illusi. Questi lavoratori si sono purtroppo trovati con un pugno di mosche in mano come accade sempre con le pseudo riforme di questo governo. Grazie al premier-segretario, il Pd ha perso una grossa fetta del proprio elettorato. Tra i primi a capire le balle di Renzi ci sono proprio gli insegnanti che si stanno giustamente rivoltando contro il governo e sono in mobilitazione permanente".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

CARABINIERE FERITO: CENTINAIO, ORA BASTA RISPEDIRE DELINQUENTI NEI PAESI D'ORIGINE

 

ROMA, 22 MAG "Grande solidarietà  e vicinanza al carabiniere aggredito oggi a Genova da un senegalese. Leggo che è in gravi condizioni: spero che si rimetta del tutto e presto. E' l'ennesima violenza intollerabile da parte di immigrati che vivono fuori da ogni regola. E' fortissima l'indignazione di fronte a quello che è accaduto. Basta: è ora di chiudere le frontiere e rispedire i delinquenti nei loro paesi d'origine".

Così Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega nord al Senato.

TUNISIA-BARDO: CENTINAIO, PREMIER E MINISTRI HANNO NEGATO PRESENZA TERRORISTI SU BARCONI ORA A CASA SUBITO

ROMA, 20 MAGGIO - " L'arresto di oggi conferma quanto diciamo da sempre. Renzi-Alfano vogliono farci invadere e ammazzare dai terroristi. Hanno negato fino a ieri che sui barconi potessero esserci clandestini-terroristi ma sono stati smentiti dai fatti. Devono andare a casa subito, devono dimettersi adesso, così gli italiani potranno finalmente votare chi lavora per garantire la sicurezza nazionale e chi chiuderà finalmente le frontiere e cioè la Lega Nord che è l'unica forza politica contro l'invasione".

Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al senato Gian Marco Centinaio.

LEGA: CENTINAIO, CON RENZI-ALFANO COCCOLE A DELINQUENTI E SPUTI A SALVINI

ROMA, 15 MAGGIO - " In questo paese che viaggia ormai al contrario grazie al duo Renzi-Alfano, i violenti e i delinquenti sono coccolati e protetti mentre la gente perbene è minacciata e vilipesa. Salvini oggi si è beccato pure uno sputo in faccia. Questo è un clima ormai insostenibile, il segretario della Lega deve fare campagna elettorale blindato. Ringraziamo le forze dell'ordine per l'impegno costante che dimostrano nonostante il clima intimidatorio e l'abbandono che subiscono da parte dello stato. Presenteremo un'interrogazione per chiedere al ministero dell'interno come intenda garantire il diritto di svolgere campagna elettorale in pubblico per tutti e non solo per il premier Renzi".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, Capogruppo della Lega Nord al Senato

CONCORSO MIUR: CENTINAIO , MOZIONE SFIDUCIA A GIANNINI

ROMA, 14 MAGGIO -         " Il Miur non ha ancora risolto la vergognosa situazione del concorso truffa  e non ha ancora stabilito l’immediato ingresso in specializzazione di 300 medici. E' vergognoso, un'esempio di arroganza e incompetenza istituzionale senza precedenti. Oggi ero in strada con i giovani medici per protestare contro il concorso per l’accesso alle Scuole di specializzazione medica davanti alministero dell'Istruzione, università e ricerca  per rivendicare il loro diritto alla formazione specialistica. Il paese è ancora in attesa della pubblicazione del bando 2015 e le decisioni relative alle immatricolazioni in sovrannumero di 300 ricorrenti. I giovani medici sono in  'stand-by' per colpa di un ministro e di un governo completamente incompetenti. Le innumerevoli interrogazioni parlamentari che abbiamo rivolto al ministro sono rimaste senza risposta, per questo abbiamo chiesto di calendarizzare in Senato la mozione di sfiducia alla Giannini, chiaramente il Pd si è vergognosamente opposto. Solo un paese governato senza lungimiranza non garantisce  il diritto-dovere  alla formazione e al lavoro dei medici laureati".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

ENIT: CENTINAIO, ENNESIMO FALLIMENTO FRANCESCHINI. DELEGA TURISMO A CHI NE CAPISCE

ROMA, 13 MAG. - " Il governo aveva presentato la riforma di Enit come il primo passo concreto per rilanciare il turismo in Italia. A pochissimi giorni di distanza arriva invece la sonora bocciatura del nuovo statuto dell'ente voluto proprio dal ministro Franceschini. Un sonoro ma non inaspettato fallimento per uno che di turismo non sa praticamente nulla. Basti pensare che il paese è  primo al mondo per siti Unesco ma solo quinto nella classifica delle visite degli stranieri. In un periodo di forte crisi economica e nell'anno di Expo il mancato rilancio di un settore cardine dell'economia è il segno dell'incapacità del governo di valorizzare il nostro patrimonio. Patrimonio inestimabile che già c'è, esiste e deve solo essere tutelato e promosso. Purtroppo questo governo non è in grado di fare nemmeno questo. La delega al turismo deve essere data a una persona competente visto che produce l'11 % del Pil nazionale. Franceschini invece, continua a trattare le imprese del settore come se fossero l'ultima ruota del carro".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO, FINALMENTE ANCHE UE SOSTIENE POSIZIONI LEGA NORD

 

ROMA, 9 MAG – “Meglio tardi che mai. Finalmente gli euro burocrati di Bruxelles convergono sulle posizioni della Lega Nord inserendo le nostre proposte nella nuova Agenda sull’immigrazione che sarà approvata mercoledì: affondamento dei barconi, aiuto nei paesi d’origine e obbligo per tutti i paesi dell’Ue ad accogliere chi sbarca sulle nostre coste. Speriamo che non si tratti soltanto di chiacchiere e che si passi velocemente ad attuare quanto la Lega Nord sostiene da anni”.

Lo scrive in una nota il capogruppo della Lega Nord al Senato, Gian Marco Centinaio, commentando i punti cardine della nuova Agenda sull’immigrazione che sarà approvata mercoledì dalla Commissione europea.

PAVIA: CENTINAIO, BENE ARRESTI INVESTITORI ELENA. ORA CONDANNA ESEMPLARE

ROMA, 6 MAG. - " La Città tira un sospiro di sollievo dopo gli arresti delle due bestie che hanno investito e brutalmente trascinato Elena Madama per 500 metri. Ora ci aspettiamo condanne esemplari. Purtroppo, non potranno nemmeno immaginare le sofferenze che hanno inferto alla giovane consigliera comunale Pavese. Con questi arresti registriamo ancora una volta come ad irrompere con violenza nella tranquilla ordinarietà di una cittadina di provincia siano le 'nuove risorse' di Alfano-Renzi-Boldrini. Prima la violenza sessuale della studentessa poi il brutale investimento di Elena. Adesso basta!"

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

SCUOLA: CENTINAIO, NESSUNA RIFORMA DA RENZI SOLO PENALIZZAZIONI A STUDENTI E INSEGNANTI

ROMA, 5 MAG. - " Siamo dalla parte di chi protesta  contro la riforma della scuola di Renzi.  Una riforma che nella realtà non riforma  un bel niente ma penalizza la scuola rischiando di lasciare a casa più di 70 mila persone che hanno lavorato duramente in questi ultimi anni".

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al senato.

EXPO: LEGA, PER  ALFANO SANGUE VERSATO DA FORZE DELL'ORDINE NON ESISTE

ROMA, 2 MAG. - " Per Alfano il sangue versato dalle forze dell'ordine ieri non esiste. Più che ministro dell'interno è il ministro dei disordini e delle devastazioni. È sempre dalla parte sbagliata. Invece che alzare le barricate e dare il proprio supporto senza se e senza ma agli agenti nega l'evidenza di quanto successo ieri a Milano. È del tutto inadeguato. Per il bene del paese è ora che si faccia da parte. Esprimiamo solidarietà agli uomini e alle donne delle forze dell'ordine che operano in condizioni disperate per tutelare uno stato che ormai non è più dalla loro parte ".

Lo dichiarano il capogruppo della Lega Nord al senato Gian Marco Centinaio e il collega Paolo Arrigoni.

EXPO: CENTINAIO, VIA RENZI E ALFANO. I MILANESI LI PRENDERANNO A CALCI SE NON MOLLANO POLTRONE

MILANO, 1 MAG "Via Renzi e Alfano, sono indegni. Si vergognino: la nostra Milano ferita e umiliata da un branco di delinquenti che dovrebbero stare in galera e invece questi incapaci al governo hanno permesso loro di mettere a ferro e fuoco un'intera città. Alfano dimettiti subito: nemmeno questo scempio lo tocca? I milanesi andranno a prenderlo a calci al Viminale se non ha la decenza di togliere il disturbo. Tutta la mia solidarietà e vicinanza alle forze dell'ordine che anche oggi si sono comportati da eroi ".
Così Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

SENATORI

GIAN MARCO CENTINAIO

NEWS           VIDEO

STEFANO CANDIANI

NEWS        VIDEO

SERGIO DIVINA

NEWS       VIDEO

ERIKA STEFANI

NEWS       VIDEO

PAOLO ARRIGONI

NEWS       VIDEO

ROBERTO CALDEROLI

NEWS       VIDEO

NUNZIANTE CONSIGLIO

NEWS       VIDEO

SILVANA COMAROLI

NEWS       VIDEO

JONNY CROSIO

NEWS       VIDEO

GIACOMO STUCCHI

NEWS       VIDEO

PAOLO TOSATO

NEWS       VIDEO

RAFFAELE VOLPI

NEWS       VIDEO

Stampa Stampa | Mappa del sito
© GRUPPO LEGA NORD E AUTONOMIE PIAZZA MADAMA 1 00186 ROMA Partita IVA: