Erika Stefani

CARCERI: STEFANI (LN), SITUAZIONE FUORI CONTROLLO. PRESENTATA INTERROGAZIONE 

 

Roma, 12 Luglio - " Date la mancanza di risorse garantite, di carenze organizzative e di organico per la polizia penitenziaria alcune carceri italiane risultano non adeguatamente controllate e per questo diventano culla di criminalità, di favoreggiamento alla recidiva e un vero e proprio luogo di incentivo a compieri ulteriori reati. In questa legislatura - nonostante le nostre denunce - governo e maggioranza hanno svuotato le carceri per tentare di risolvere il problema del sovraffollamento ma nulla hanno fatto affinché le galere siano quello che devono essere e cioè  luogo di espiazione della pena. Allarmati per la situazione denunciata dai sindacati abbiamo presentato un'interrogazione al ministro della giustizia e al presidente del consiglio affinché agiscano al più presto per arginare l'inquietante scenario di aperta rinuncia dello Stato all'esercizio della effettiva potestà punitiva".

Così Erika Stefani, senatrice leghista e capogruppo in commisione giustizia a palazzo Madama che oggi ha partecipato alla conferenza stampa in sala Nassirya di presentazione dell'interrogazione con il segretario generale del sindacato autonomo di polizia penitenziaria Capece e il senatore Di Maggio altro firmatario dell'interrogazione. 

LEGA, VICINI A BRIZZI. GOVERNO ACCOLGA ISTANZE VV-FF SONO EROI
 

Roma, 22 mag -"Esprimiamo la nostra vicinanza e sostegno ad Antonio Brizzi augurandogli di rimettersi al più presto in forma per proseguire il suo lavoro e le sue battaglie. Al governo e in particolare al ministro Minniti lanciamo un monito chiaro: i vigili del fuoco sono eroi e da eroi vanno trattati. Non si può chiedere loro sacrificio anche umano quando ce ne è bisogno per poi bistrattarli in termini salariali non concedendo loro mezzi e risorse. Oggi i vigili del fuoco sono sottopagati di 300 euro al mese rispetto agli altri corpi. Hanno diritto alla stessa dignità lavorativa che hanno tutti gli uomini in divisa consapevoli che purtroppo in Italia siamo ben lontana dai più alti standard europei. La Lega è dalla parte di  Brizzi e di tutti i vigili del fuoco impegnati in sit in organizzati in tutta Italia davanti alle prefetture per protestare contro il gap salariale".

 

Così Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti commenta il malore che ha avuto oggi Antonio Brizzi segretario generale del Conapo, il sindacato autonomo, mentre protestava in divisa davanti al Viminale, dopo 8 giorni di sciopero della fame facendo la spola tra i palazzi del governo e del Parlamento in difesa dei diritti dei vigili del fuoco. 

TORTURA: LEGA, GOVERNO CRIMINALIZZA POLIZIA

Roma, 17 Maggio - "  Con la legge sulla 'tortura' il partito democratico ha colto al volo l'occasione per fare quello che più gli riesce: criminalizzare la polizia e agevolare l'invasione dei clandestini. Ancora una volta questa maggioranza ha infatti approvato una legge che nulla ha a che fare con il nome che porta. Ovvio che chiunque sano di mente condannerebbe chi si macchia di un reato tremendo come quello di tortura. Peccato che questo provvedimento crei solo confusione. In questa legge si ipotizza che un pubblico ufficiale istighi un reato di tortura condannando il poliziotto alla reclusione da sei mesi a tre anni.   Questa è una norma fatta apposta per le forze dell'ordine, quasi a voler dire che prevediamo una fattispecie di reato perché le forze dell'ordine agiscono in questo modo. Cosa falsa e offensiva ". 


Così Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti e capogruppo in commissione giustizia durante la dichiarazione di voto a Palazzo Madama.

"Si tace e si soprassiede continuamente sull'articolo 3, che rende ancora più difficile l'espulsione dei clandestini fornendogli un'ulteriore arma. Ora potranno dichiarare di essere a rischio tortura. Quindi, chiunque entrerà in territorio italiano e verrà qui per chiedere asilo, protezione umanitaria e sussidiaria, il riconoscimento dello statusdi rifugiato e tutto quello che l'ordinamento italiano mette a disposizione, lo farà sulla base di una eventualità. È ovvio che basterà una mera dichiarazione e si arriverà a bloccare immediatamente qualsiasi espulsione o respingimento. Di fronte a tali assurdi criteri, noi - conclude Erika Stefani - votiamo contro". 

GIUSTIZIA, LEGA: DIFENDIAMO LA MAGISTRATURA ONORARIA. IL GOVERNO SBAGLIA

 

Roma, 7 feb. – “Per il governo e per il ministro Orlando la magistratura onoraria e i giudici di pace sono magistrati di serie B, per noi della Lega un elemento imprescindibile del sistema giustizia che va tutelato, valorizzato e rafforzato. Stiamo parlando di oltre 5000 magistrati il cui lavoro è fondamentale e "conditio SINE qua non" per un efficiente funzionamento della giustizia e senza una adeguata valorizzazione del loro operato si rischia di portare al caos il sistema giustizia nel paese già oggi in grandi difficoltà per le scelte sbagliate del governo. La magistratura onoraria va stabilizzata, formata, responsabilizzata  e adeguatamente remunerata. Per questo le parole del ministro Orlando che ha annunciato una maggiore precarizzazione della magistratura onoraria sono dannose e da censurare. Difendiamo gli uomini e le donne della magistratura onoraria, professionisti del diritto che meritano rispetto e dignità”.

Lo dichiara Erika Stefani

 

SICUREZZA: STEFANI, PROTESTE POLIZIA CONTRO GOVERNO SACROSANTE

ROMA, 3 DIC. - " La protesta della polizia contro questo governo è giusta. Renzi non può pensare di imbambolarli con le sue favolette. E' chiaro che questo governo abbia deciso di legalizzare l'illegalità attraverso le scellerate politiche degli svuota carceri, delle depenalizzazioni, delle porte aperte per tutti. Per le forze dell'ordine invece, il governo ha previsto solo mancette lasciandoli senza equipaggiamenti, senza mezzi, senza risorse, senza garanzie. E' una vergogna, per questo sosteniamo le loro sacrosante istanze.  La Lega, è sempre dalla parte di chi ci difende".

Lo dichiara Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti.

STABILITA’: LEGA NORD, FONDO DI 1,5 MILIARDI PER CALAMITA’ ENNESIMA BUFALA?

 

ROMA, 23 OTT – “In attesa della pubblicazione ufficiale della legge di stabilità, tra un ripensamento e l’altro di Matteo Renzi, ci auguriamo che la notizia che sta facendo circolare il Partito democratico di un fondo di un miliardo e mezzo di euro inserito nel provvedimento per far fronte agli stati di calamità accaduti in Italia dal 2013 al 2015 non sia l’ennesima bufala fatta girare ad arte dal governo”.

Lo scrivono in una nota i senatori della Lega Nord, Erika Stefani e Paolo Tosato.

“Se, infatti, si dovesse trattare non di un contributo dello Stato per i danni subiti da imprese e privati ma di finanziamenti agevolati erogati da istituti bancari ci troveremmo di fronte all’ennesimo raggiro del presidente del Consiglio inserito in questa legge truffa. In caso contrario, la Lega Nord vigilerà affinché i cittadini della Riviera del Brenta colpiti a luglio dal tornado ricevano la giusta quota”.

 

LADRO UCCISO: STEFANI, NOSTRO DDL SANA INGIUSTIZIE

 

ROMA, 22 OTT. - " La nostra proposta di legge sana la serie infinita di ingiustizie che lo stato perpetra nei confronti di quei cittadini onesti che si sono difesi durante le rapine. Introdurre la presunzione di legittima difesa è sacrosanto. E' ora che il parlamento si svegli e accolga le istanze che arrivano dalla gente. I cittadini devono avere il diritto di difendersi. Questo governo scellerato ha di fatto azzerato le politiche sulla sicurezza e quindi non si possono condannare coloro i quali sono arrivati laddove è mancato lo stato".

Lo dichiara Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti e capogruppo in commissione giustizia a Palazzo Madama. 

 

SERENISSIMI: LEGA, GIUSTIZIA SI CONCENTRI SUI VERI TERRORISTI. NON SI PROCESSINO IDEE

ROMA, 15 OTT. - "Il rinvio a giudizio dei 50 serenissimi per eversione e terrorismo è un clamoroso errore della giustizia. Non si possono processare le idee, non si può incarcerare e far subire una lunga traversia giudiziaria a della brava gente. Queste persone non hanno commesso nessun reato, condividevano l'amore per la propria terra e un sentimento politico nobile come il desiderio di indipendenza. Tempo e risorse della magistratura si concentrino sui problemi veri di questo paese non sui serenissimi, loro non hanno fatto niente di male".

Lo dichiarano Erika Stefani e Paolo Tosato, senatori veneti della Lega Nord.

POPOLARE VICENZA, LEGA: RENZI COME ‘PONZIO PILATO’, PD TUTELA SOLO ‘BANCHE ROSSE’

ROMA, 23 SET – “Il Pd come ‘Ponzio Pilato’: ha salvato con 4 miliardi di soldi pubblici la banca ‘rossa’ Monte dei Paschi di Siena e ha ignorato le migliaia di piccoli azionisti truffati della Popolare di Vicenza, condannati a pagare per colpe altrui”. Così il deputato leghista vicentino Filippo Busin e la senatrice del Carroccio Erika Stefani. Busin sul caso Popolare-Bankitalia ha già presentato un question time in commissione Finanze.
“Per il governo ci sono risparmiatori di serie A e di serie B – dice Busin –. Se la banca custodisce i tesori ‘del partito’ merita tutele, se custodisce i soldi dei cittadini può anche fallire. Il partito democratico ha figli e figliastri. Quando si trattava di attivarsi per la banca ‘di famiglia’ di un ministro di prim’ordine il governo si è
affrettato a intervenire con provvedimenti d’urgenza, ora che di mezzo ci sono i risparmi di cittadini veneti vittime delle scelte scellerate dei vertici della Popolare di Vicenza, Bankitalia ed Esecutivo se ne lavano le mani. Neppure ora che la procura ha acceso i riflettori su questo scandalo, Renzi e compagni pensano di intervenire a difesa dei piccoli azionisti, ‘bruciati’ con la vendita di azioni a prestito a prezzi spropositati. Con la riforma delle Popolari il governo ha lanciato il sasso, ma al primo scossone ha nascosto la mano e si è girato vigliaccamente dall'altra parte ”.

RIVOLTA VS MUSULMANI IN CHIESA VICENTINO, STEFANI (LN): “ASCOLTARE PAURE FEDELI”

VALLE DI CASTELGOMBERTO (VICENZA) 

 

8 SET – “Le legittime preoccupazioni dei fedeli di Castelgomberto, scettici sull’accoglienza di immigrati, non fanno che confermare quanto la Lega Nord da sempre dice, e cioè che bisogna avere garanzie su chi si accoglie. Questa esigenza, la cronaca lo dimostra, non è solo manifestata dal nostro movimento, ma è una necessità sentita dall’intera comunità”. Lo dice la senatrice leghista Erika Stefani, originaria di Trissino, nella cui parrocchia (che comprende anche Castelgomberto) è esplosa in queste ore la protesta dei fedeli contro l’accoglienza dei musulmani.   “Dubbi e perplessità sono legittimi - dice Stefani -. C’è una comunità cristiana che, lo chiediamo con forza, deve essere ascoltata. Del resto anche molti vescovi, oggi e in passato, hanno avvertito dei rischi di un’immigrazione incontrollata. Penso a monsignor Luigi Negri (Ferrara) che – proprio in relazione all’accoglienza dei musulmani – ha detto ieri: ‘Il Vecchio continente non ha gli strumenti culturali per confrontarsi con una certa umanità che dimostra di non avere alcuna voglia di dialogare con noi’. Penso al compianto monsignor Biffi, che disse: ‘Non esiste un diritto di invasione’. Penso a monsignor Maggiolini, del quale ricorreranno presto i sette anni dalla morte, che mise in guardia dalle insidie dell’immigrazione musulmana. L’auspicio è quindi che la carità vada sempre a braccetto col realismo”.  

 

ENTI LOCALI: LEGA, RENZI UMILIA VENETI. 500 MLN IN SPRECHI SICILIANI 2 MLN PER DANNI TORNADO

ROMA, 28 LUGLIO - " Non vogliamo adeguarci a quella che sembra normalità e invece è follia. Non possiamo piegarci all'indifferenza di un governo che umilia i veneti concedendo 500 milioni per ripianare i debiti della regione Sicilia e dà ai comuni colpiti dal tornado solo due milioni a fronte dei 100 di danni stimati. Ai veneti questi soldi servono per rientrare nelle abitazioni, per riaprire le attività non per foraggiare clientelismo e sprechi. Ai veneti questi soldi spettano, non sono un regalo, ma un atto dovuto!  E' inaccettabile e vergognosa questa irresponsabilità del governo. Per il Veneto questo Stato significa solo scippo di tasse e ricerca di alloggi da parte delle prefetture da destinare ai clandestini quando i cittadini veneti colpiti dalle calamità si pagano di tasca propria  un alloggio alternativo. Da Renzi non è arrivata nessuna risposta alle emergenze ma  - come se non bastasse - un'ulteriore punizione con il taglio di 2.3 miliardi al sistema sanitario nazionale senza l'applicazione dei costi standard. Renzi ha deciso di affondarci, non ha capito che così facendo spinge ulteriormente i Veneti  verso la libertà e l'indipendenza".

Lo dichiarano Paolo Tosato ed Erika Stefani senatori veneti della Lega Nord.

BAMBINA INFIBULATA A VICENZA: STEFANI, SUBITO VIA PATRIA POTESTA' ED ESPULSIONE

ROMA, 7 LUGLIO - "L'agghiacciante episodio che coinvolge una bambina ghanese residente a Vicenza non può lasciarci indifferenti. L'incivile pratica dell'infibulazione è arrivata anche in casa nostra, è una barbarie prevista da arcaiche tradizioni vigenti in molti paesi musulmani e che non possiamo in alcun modo accettare. Per questo padre, oltre all'immediata privazione della patria potestà, ci vuole una pena esemplare. Proponiamo che chiunque sottoponga le proprie figlie a questa pratica inumana oltre alla pena prevista dal codice penale sia revocato immediatamente il permesso di soggiorno o l'eventuale cittadinanza".

Lo dichiara Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti.

TORTURA: STEFANI, E' PROVVEDIMENTO AD HOC CONTRO POLIZIA

 

ROMA, 25 GIUGNO - " La legge sul reato di tortura è sbagliata ed è stata fatta contro la polizia. Mai nella storia un governo ha abbandonato le forze dell'ordine come quello attuale. Renzi e Alfano hanno scelto di premiare clandestini e delinquenti e di punire invece le forze dell'ordine che compiono onestamente il loro dovere anche a rischio della vita per pochi euro.  Il PD e il Ncd sono chiaramente partiti anti polizia. Il ddl in discussione esprime palesemente la  volontà della maggioranza di punire gli uomini in divisa".

Lo dichiara Erika Stefani vice presidente dei senatori leghisti. 

OMICIDIO STRADALE: STEFANI, ERGASTOLO PATENTE PENA NECESSARIA

ROMA, 9 GIUGNO - " E' necessario che sia introdotto il reato di omicidio stradale e che sia prevista la pena dell'ergastolo della patente. Basta con l'impunità, potremmo fare centinaia di esempi uno su tutti è quello di un ragazzo ucciso da un guidatore in stato d'ebrezza che viaggiava contro mano e si è fatto solo 20 giorni di arresti domiciliari. Una vergogna, una mancanza di rigore intollerabile. Mille i morti solo tra il 2008 e il 2012, 35.000 i feriti, una vera e propria carneficina. Il ritardo colpevole del governo e della maggioranza offende le vittime e le loro famiglie. Basta alle concessione e ai benefici per chi uccide. Chi beve non deve mettersi alla guida. Noi, siamo per la tolleranza zero".

Lo dichiara la senatrice  Erika Stefani, capogruppo della Lega Nord in commissione giustizia al senato.

AUTO FUGGE AD ALT E INVESTE PASSANTI: STEFANI, BENE ARRESTO ROM. PRENDERE GLI ALTRI E BUTTARE CHIAVI

ROMA, 28 MAGGIO - "L'arresto della diciassettenne Rom è un atto dovuto. Ora devono prendere gli altri, sbatterli in galera e buttare le chiavi. Questa gente non solo non rispetta la legge ma ha lo spregio della vita umana. Pur di assicurarsi la fuga e continuare a vivere nell'illegalità e nell'impunità che gli viene concessa dallo stato e dal comune di Roma non esitano a investire e ammazzare persone innocenti".

Lo dichiara Erika Stefani, vice presidente dei senatori leghisti.

IMMIGRAZIONE, STEFANI: ALFANO ESULTA PER AGENDA? PATETICO, ITALIANI NON VOGLIONO PIU' CLANDESTINI

 

ROMA, 13 MAG - “ Alfano esulta per l’agenda europea sull’immigrazione? Patetico, saremo il terzo paese europeo che accoglierà il maggior numero di clandestini. Come se non ne avessimo già abbastanza! Questo è solo l'ennesimo fallimento dell'Europa e di questo governo. Continueranno a foraggiare l'invasione e gli scafisti  trasformando Triton in Mare Nostrum . Non solo: a noi toccherà ancora la gestione degli arrivi e chiaramente dovremo sobbarcarci la prima accoglienza. Basta prendere in giro gli italiani, i costi di questa folle politica immigrazionista saranno ancora a carico dei cittadini attraverso le tasse. L'unica soluzione restano i respingimenti, sia in mare che dei clandestini già sbarcarti. Peccato che Renzi abbia appena deciso nel provvedimento sulla tortura di rendere completamente inefficace questa politica sacrosanta. Gli italiani sognano un premier come Cameron, purtroppo hanno il duo Renzi- Alfano".

Lo dichiara il vice presidente dei senatori leghisti Erika Stefani. 

TORTURA: STEFANI, GOVERNO CRIMINALIZZA FORZE POLIZIA

 

ROMA, 12 MAG. - " Le audizioni di oggi in commissione giustizia al Senato hanno confermato quanto dice la Lega e cioè che il testo varato dalla Camera è una norma contro le forze di polizia. Con questo disegno di legge il governo ridimensionerà ulteriormente il lavoro dei tutori dell'ordine pubblico. E' una vergogna introdurre norme che permetteranno di alimentare denunce pretestuose contro la polizia che altro non vogliono fare se non essere liberi di compiere il proprio dovere. Non solo, il governo con questa legge impedisce le espulsioni e i respingimenti dei clandestini creando una vera e propria paralisi degli unici meccanismi che permetterebbero se applicati di limitare l'invasione in atto. Tra l'altro, questa norma è in contraddizione sia con il testo unico dell'immigrazione ma soprattutto inficia e depotenzia  il decreto antiterrorismo appena varato dal governo. Ancora una volta Renzi si dimostra incapace di garantire la sicurezza e l'ordine pubblico".

Lo dichiara Erika Stefani, capogruppo della Lega Nord in commissione giustizia al Senato. 

RONDE ANTI-LADRI: STEFANI, PLAUSO A INIZIATIVA

ROMA, 1 APR. - " Le forze dell'ordine stanno facendo di tutto in base ai mezzi e alle risorse che hanno a disposizione, a loro come sempre, indirizziamo il nostro ringraziamento e il nostro sostegno.
Siamo anche dalla parte di quei cittadini ormai costretti a fare da sentinella notturna esponendosi a fatiche e a pericoli. Le ronde organizzate volontariamente sono utilissime e non intralciano alcunché: e' importante che tutta la cittadinanza sia sempre responsabile, vigile e attenta e dia informazioni su tutte le situazioni di sospetto e pericolo. È una collaborazione che indica massima responsabilità e impegno civico. È chiaro che il compito di tutelare la sicurezza spetti allo stato e non alla gente. Le ronde sono uno storico cavallo di battaglia della Lega, frettolosamente e erroneamente definite atti di squadrismo, nella realtà dei fatti sono invece lodevoli azioni di presidio pacifico del territorio che noi sosterremo concretamente. Nel frattempo abbiamo presentato un'interrogazione per sapere quali iniziative voglia prendere il governo per cambiare il clima di insicurezza sociale e di pericolosità criminale ".

Lo dichiara la senatrice vicentina della Lega Nord Erika Stefani.

CORRUZIONE: STEFANI, OGGI PEGGIO CHE 1992. DA RENZI RISPOSTE INSUFFICIENTI

ROMA, 1 APR. - " Oggi gli effetti della corruzione sono ancora devastanti  a partire dei costi pubblici e della totale sfiducia dei cittadini nelle istituzioni. Nulla è cambiato in meglio dal 1992, anzi la corruzione è mutata trasformandosi e rendendosi peggio delle famose mazzette. Il governo cerca di vendere questo provvedimento come la soluzione di tutti i mali ma nella realtà dei fatti non lo è. Si dovrebbe accelerare la giustizia, creare un codice degli appalti più severo e trasparente, sburocratizzare il sistema, semplificare le
leggi. Noi siamo certo favorevoli agli aumenti di pena previsti, ma con tutti i provvedimenti approvati da questo governo in tema carcerario nessuno con una pena fino ai cinque anni finirà in prigione. Sarebbe ora di smetterla di fare gli ipocriti, questa maggioranza si sta comportando invece ipocritamente".

Lo dichiara Erika Stefani, vicepresidente dei senatori leghisti.

DIVORZIO: LEGA, PER NOI CONTANO FIGLI. OTTENUTO IMPEGNO GOVERNO PER RIFORMA MANTENIMENTO E PERMANENZA


ROMA, 17 MARZO. - " Nel dibattito sul divorzio breve la nostra priorità è la difesa dei diritti dei figli. Sono i minori, il loro benessere e la loro crescita che abbiamo maggiormente a cuore. Per questo abbiamo ottenuto l'impegno del governo attraverso un ordine del giorno affinché si provveda a riformare  le regole sul mantenimento e sulle visite in caso di separazione e divorzio. Noi riteniamo che i figli, in caso di affido condiviso, debbano stare almeno tre giorni alla settimana con ciascun genitore, ora infatti nella stragrande maggioranza dei casi stanno con il padre solo durante il fine settimana ed è proprio su questo presupposto che deve essere rivisto anche il mantenimento che deve essere regolato in base al periodo di permanenza con i genitori".

Lo dichiara Erika Stefani, vice presidente dei senatori leghisti.

 

POSTE: STEFANI, CALENDARIZZATA NS MOZIONE CONTRO CHIUSURE. ORA PD LA VOTI


ROMA,17 MARZO –  La senatrice vicentina della Lega Nord Erika Stefani rilancia la propria mobilitazione contro i tagli agli uffici postali nel vicentino. Con una mozione finalmente calendarizzata per il 7 aprile la Lega sollecita il governo  a «verificare l’efficienza complessiva della rete e di riduzione dei costi del servizio universale ricadenti sulla collettività e a pubblicare sul sito del Ministero dell’economia e delle finanze l’ammontare complessivo dei contributi statali erogati negli ultimi cinque anni a Poste Italiane per l’espletamento del servizio pubblico universale”.

Inoltre, per Erika Stefani è urgente che ” il governo rinvii l’entrata in vigore del nuovo piano di razionalizzazione di Poste Italiane previsto per il 13 aprile, in attesa di una concertazione fra la società e le amministrazioni locali coinvolte, per capire l’impatto degli interventi sulla popolazione interessata e la possibile individuazione di soluzioni alternative più rispondenti allo specifico contesto territoriale, così come previsto – spiega Stefani – dalla delibera dell’Agcom, che siano in grado di coniugare le esigenze di equilibrio economico con quelle di tutela dell’utenza”.

” Ora – conclude la senatrice leghista vicentina – viste le dichiarazioni di tutte le forze politiche anche Pd e Ncd votino la nostra mozione per passare finalmente dalle parole ai fatti”.

DIVORZIO BREVE: STEFANI, NOI PER LIBERTA' DI COSCIENZA. LEGGE NON RISOLVE CRISI ANZI. 

ROMA, 12 MARZO - " Il nostro gruppo sulla legge del divorzio breve ha optato per la libertà di coscienza. Questo non è solo un tema giuridico ma anche etico. Spesso il processo del divorzio fa risorgere tutte le problematiche già affrontate durante la separazione. La legge non può risolvere le crisi matrimoniali anzi, spesso le acuisce per questo ritengo che accorciare i tempi possa accorciare anche le sofferenze di questi dolorosi processi".

Lo dichiara Erika Stefani, vicepresidente dei senatori della Lega Nord.

MINORI: STEFANI, VOTIAMO CONTRO RATIFICA CONVENZIONE. NO NETTO A KAFALA


ROMA, 10 MARZO -  " Noi non accetteremo mai nessuna introduzione nel  nostro ordinamento di principi di matrice islamica come la Kafala. Per questo votiamo contro la ratifica della convenzione oggi in discussione al senato. Difenderemo con forza la democrazia e non tollereremo mai tentativi di sottomissione. Qui ci sono da difendere i minori, il nostro interesse primario sono loro e che non sia alterato in alcun modo l'istituto dell'adozione".

Lo dichiara la vicepresidente dei senatori leghisti Erika Stefani. 

TRAPIANTI: STEFANI, BENE REATO TRAFFICI ILLECITI

ROMA, 4 MAR - "Era necessaria da tempo l'introduzione del reato del traffico illecito degli  organi come grave lesione della dignità della persona. A maggior ragione oggi visto l'allarmante fenomeno  dei minori scomparsi che ha raggiunto numeri impressionanti dovuti agli sbarchi dei minori non accompagnati ". Così la senatrice della Lega Nord, Erika Stefani in riferimento al disegno di legge sul Traffico d'organi in discussione al Senato. "Il traffico illegale di organi è un abominio che sfrutta molteplici sofferenze. Una nefandezza operata da organizzazioni criminali senza scrupoli che sfruttano donne, uomini e bambini.  Da tempo invochiamo come necessario il rigoroso e costante monitoraggio nel territorio nazionale ed europeo della tratta degli immigrati anche per scongiurare questa orrenda forma di schivismo".

RAPINATORE UCCISO:STEFANI, GOVERNO DIA UOMINI E RISORSE

 

VENEZIA, 4 FEB - "Il Veneto è sotto attacco della criminalità e il governo non fa altro che emanare provvedimenti svuota-carcere e benefici e sconti per i criminali. Qui abbiamo bisogno di uomini e risorse per le forze dell'ordine". Così la senatrice leghista Erika Stefani commenta la tentata rapina di ieri ad una gioielleria nel vicentino conclusa con un conflitto a fuoco, tra i malviventi ed un benzinaio, e la morte di uno dei banditi. "Ormai - aggiunge Stefani - assistiamo costantemente all'approvazione di leggi che penalizzano la gente per bene, di leggi vergognose che premiano solo i delinquenti. L'auspicio dopo quanto accaduto ieri sera è il governo la smetta con queste scellerate politiche e che nessuno osi accanirsi contro il 

benzinaio che ha reagito d'istinto per difendersi. Qui i cittadini sono alla disperazione, la brava gente si trova costretta a difendere con la forza i propri beni". 

 

SVENTATO SEQUESTRO: LEGA, COMPLIMENTI A ROS E NUCLEO INVESTIGATIVO. GRAZIE A LORO DRAMMA SCAMPATO


ROMA, 27 GEN. - " Ancora una volta ringraziamo le forze dell'ordine che con la loro solerzia e la loro competenza sono riusciti ad arrestare in flagranza di reato  tre criminali per il tentato rapimento di un ragazzo minorenne a Thiene. E' un caso gravissimo di criminalità che si registra in un panorama funesto: purtroppo il vicentino è un territorio che vive una drammatica escalation di reati predatori. Ci troviamo di fronte a delinquenti non comuni, questa non è piccola criminalità,  ci troviamo di fronte bande criminali organizzate. Denunciamo ancora una volta che le decisione dei governi che si sono succeduti negli ultimi tre anni hanno disegnato un quadro  normativo che permette ai criminali benefici e sconti di pena.  Questa politica  innesca una sorta di impunità che fa aumentare esponenzialmente la delinquenza e quindi di riflesso l'insicurezza dei cittadini. Per fortuna nonostante le leggi che spesso vanificano il loro operato e i tagli che li penalizzano le forze dell'ordine continuano a dimostrarsi l'eccellenza che sono".

 

Lo dichiarano Filippo Busin ed  Erika Stefani , parlamentari vicentini della Lega Nord.

 

VICENZA, INTERROGAZIONE STEFANI: AGENTI TOLTI DA STRADA E COSTRETTI IN UFFICIO, NO A POLITICA DELLE ‘PEZZE’


VICENZA, 23 GEN - Poliziotti e agenti della Forestale tolti dalle strade e costretti negli uffici della procura per coprire le carenze d’organico. Accade a Vicenza, la denuncia porta le firme del Sap e del Sapaf, ed è stata portata all’attenzione del governo dalla senatrice leghista Erika Stefani che in un’interrogazione già predisposta chiede al Guardasigilli Orlando e al ministro Alfano di “fermare l’esodo di agenti verso la procura e di prevedere un’integrazione da altri enti, che non siano corpi di polizia”. “Di polizia c’è bisogno nelle strade, è folle mutilare il personale di sicurezza per sopperire alle carenze negli uffici amministrativi”, dice la senatrice del Carroccio.   

Per Stefani la distrazione di personale da ruoli operativi è quindi una “scelta pericolosa”. La parlamentare leghista ricorda la “vittoria politica” che ha portato “all’integrazione di sei magistrati”, ma sul personale amministrativo “si stanno facendo gravi errori: prima la mobilità, che ha lasciato il 50% dei costi in capo agli enti di provenienza (fatto salvo il caso di provenienza da un altro Ministero), ora la sottrazione di agenti, costretti negli uffici.


“Questo è un falso potenziamento d’organico, fatto con la ‘politica delle pezze’, che non risolve niente, ma crea solo voragini nella sicurezza che, in un momento di allarme terrorismo, dovrebbe invece essere al centro della massima attenzione”.

 

GIUSTIZIA: STEFANI, VITTORIA LEGA. SI' DEL SENATO A RESPONSABILITA' MAGISTRATI, DETENZIONE STRANIERI IN PAESI D'ORIGINE E MESSA IN SICUREZZA CARCERI.

 

ROMA, 20 GEN. - " Vittoria della Lega in Senato sulla giustizia! E' stata approvata parte delle nostra mozione. Il Sì riguarda la responsabilità civile dei magistrati affinch é sia effettiva in caso di responsabilità dei magistrati, la compiuta implementazione del processo telematico ma soprattutto che si continui il piano straordinario delle carceri con la messa in sicurezza delle 38 strutture esistenti, e di attuare gli accordi bilaterali  o la stipula di nuovi accordi bilaterali con altri Stati, affinché i detenuti stranieri scontino la pena nei Paesi di origine".
Lo comunica  Erika Stefani vicepresidente dei senatori leghisti e capogruppo del Carroccio in commissione giustizia.
"Sui tempi della giustizia in Italia, viviamo praticamente nel terzo mondo. Questo governo invece di accelerarne i tempi ha deciso di trasformare la giustizia civile in un sistema elitario: aumentandone i costi l'ha resa accessibile solo a chi ha possibilità economiche.  Sull'aspetto penale, dobbiamo ricordare l'insieme dei provvedimenti che abbiamo chiamato svuota carceri e gli altri, fino ad arrivare all'ultima ipotesi, contenuta nel decreto legislativo, che prevede l'introduzione della non punibilità per i reati di particolare tenuità. Anche questo è grave, soprattutto se si tiene a mente che - spiega Stefani - in città come Bologna e Milano c'è stato un incremento dei reati predatori di quasi il 30 per cento".
"Quando si parla direttamente con un operatore delle Forze di polizia ci si sente dire che gli stessi criminali che vengono fermati sono tranquilli perché sanno che in galera non ci vanno, che le conseguenze non saranno così gravi e di questo ne sono consapevoli anche gli stranieri. Il paese è un 'Bengodi' per chi vuole campare sulla criminalità. Il risultato di oggi è solo un primo passo, noi ci batteremo - conclude Sefani - affinché i cittadini si riapproprino del diritto fondamentale di sentirsi sicuri nelle proprie case e nelle loro Città".

 

SENATORI

GIAN MARCO CENTINAIO

NEWS           VIDEO

STEFANO CANDIANI

NEWS        VIDEO

SERGIO DIVINA

NEWS       VIDEO

ERIKA STEFANI

NEWS       VIDEO

PAOLO ARRIGONI

NEWS       VIDEO

ROBERTO CALDEROLI

NEWS       VIDEO

NUNZIANTE CONSIGLIO

NEWS       VIDEO

SILVANA COMAROLI

NEWS       VIDEO

JONNY CROSIO

NEWS       VIDEO

GIACOMO STUCCHI

NEWS       VIDEO

PAOLO TOSATO

NEWS       VIDEO

RAFFAELE VOLPI

NEWS       VIDEO

Stampa Stampa | Mappa del sito
© GRUPPO LEGA NORD E AUTONOMIE PIAZZA MADAMA 1 00186 ROMA Partita IVA: